883 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

La segretaria privata (1931)

Torna indietro

La segretaria privata (1931)



Regia/Director: Goffredo Alessandrini
Sceneggiatura/Screenplay: Franz Schulz, Goffredo Alessandrini
Interpreti/Actors: Elsa Merlini (Elsa Lorenzi), Nino Besozzi (banchiere Roberto Berri), Sergio Tofano (Otello, l'usciere), Cesare Zoppetti (Rossi, capo del personale), Ermanno Roveri (gagà alla stazione), Marisa Botti (signorina Botti, segretaria), Renato Malavasi (signore che riceve uno schiaffo al pergolato), Alfredo Martinelli (cliente del Pergolato), Noemi Orsini (padrona della Pensione Primavera), Augusto Bandini, Remo Brignardelli, Cesare Lancia, Roberto Pasetti
Fotografia/Photography: Massimo Terzano, Domenico Scala
Musica/Music: Ludwig Lajtai
Scene/Scene Design: Goffredo Alessandrini, Vinicio Paladini
Suono/Sound: Pietro Cavazzuti
Montaggio/Editing: Guy Simon, Goffredo Alessandrini
Produzione/Production: Cines-Pittaluga
Distribuzione/Distribution: Anonima Pittaluga
censura: 26918 del 30-11-1931
Trama: Elsa Lorenzi, una giovane dattilografa di provincia, arriva in una grande città piena di speranze per il futuro. Dopo varie delusioni, la ragazza riesce a trovare impiego in una banca grazie all'aiuto dell'usciere Otello. Il capo del personale tenta di corteggiarla, ma, respinto, approfitta della propria posizione per vessarla in ogni modo. Un giorno, costretta a trattenersi in ufficio oltre il normale orario, Elsa fa la conoscenza di un simpatico giovane che le si presenta come un semplice impiegato, mentre, in realtà, è il direttore della banca. Usciti dall'ufficio, i due vanno nella trattoria dove Otello dirige un coro: mentre l'usciere dà spettacolo con un'incredibile sbornia, i ragazzi trascorrono la serata in allegria. Il giorno dopo, Elsa scopre la vera identità del presunto collega. Offesa dalle proposte poco serie del direttore, lo schiaffeggia e corre alla pensione dove alloggia per preparare i bagagli e partire. Ma il giovane, che è innamorato della ragazza e ne ammira la sincerità, la raggiunge e si scusa. Il banchiere e la dattilografa diventano così marito e moglie.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information