866 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Jeanne Dorè (1938)

Torna indietro

Jeanne Dorè (1938)



Regia/Director: Mario Bonnard
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Mario Bonnard
Interpreti/Actors: Emma Gramatica (Jeanne Doré), Evi Maltagliati (Fanny), Sergio Tofano (Fanard), Leonardo Cortese (Jacques Doré), Lamberto Picasso (Michaud), Margherita Bagni (madame Fanard), Carola Lotti (una signora), Filippo Scelzo (Perodot), Aldo Rubens (ufficiale), Guido Celano (avvocato Charles), Ruggero Capodaglio (segretario di Perodot), Eugenio Cappabianca (giurato), Cesare Zoppetti (presidente del tribunale), Giorgio Capecchi (pubblico ministero), Armando Migliari (Rozan), Giulio Tempesti (portinaio), Oreste Bilancia, Anna Capodaglio, Adelmo Cocco, Licia D'Alba, Aldo Fiorelli, Maria Pia Fonzi, Claudia Marti, Renato Nardi, Vittorio Ripamonti, Armando Rossini, Lina Tartara Minora, Maria Della Lunga Maldarelli, Bakmann, Elena Zareschi, Mariella Lotti
Fotografia/Photography: Ubaldo Arata, Otello Martelli
Musica/Music: Giuseppe Mulè
Costumi/Costume Design: Carlo Enrico Rava
Scene/Scene Design: Carlo Enrico Rava
Suono/Sound: Victor Wilson
Montaggio/Editing: Gabriele Varriale
Suono/Sound: Boris Muller
Produzione/Production: Scalera Film
Distribuzione/Distribution: Scalera Film
censura: 30359 del 21-10-1938
Altri titoli: Jeanne Doré, le roman d'une mère
Trama: 1908, Cholet, cittadina della provincia francese. Il giovane figlio di un commerciante chiede un prestito in denaro a un ricco borghese per aiutare la propria amante, moglie di un giornalista, a saldare dei debiti. Ma quando l'uomo, che è a conoscenza della relazione tra i due, si rifiuta di aiutarlo e insulta la donna, il ragazzo perde il controllo e lo uccide. Catturato, viene processato e quindi condannato a vent'anni di deportazione. Il giovane chiede allora all'anziana madre di poter dire addio alla propria amante, cui egli non ha mai fatto cenno durante il processo per non comprometterla. Ma la donna si rifiuta di vederlo, temendo lo scandalo, e così, nell'oscurità della prigione, la madre del condannato finge di essere lei la sua amante e gli promette amore eterno.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information