scheda
 1220 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Harlem (1943)

Torna indietro

Harlem (1943)



Regia/Director: Carmine Gallone
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Sergio Amidei, Emilio Cecchi
Interpreti/Actors: Elisa Cegani (donna del gangster), Vivi Gioi (Muriel), Massimo Girotti (Tommaso Rossi), Amedeo Nazzari (Amedeo Rossi), Mino Doro (Bill Black), Osvaldo Valenti (Chris Sherman), Gianni Musy Glori [Gianni Glori] (piccolo Tony Rossi), Luigi Almirante (Barney Palmer), Enrico Glori (Ben Farell), Greta Gonda (Milena Zvetcovic), Giovanni Grasso (avv. Guardascione), Luigi Pavese (Joe Smith), Giuseppe Porelli (duca di Solimena), Aldo Silvani (secondino), Guglielmo Sinaz (avv. Sinclair Roswell), Erminio Spalla (Franckie Battaglia, l'allenatore), Enrico Viarisio (Pat), Giuseppe Varni (gangster), Abrata Batha Longo (pugile abissino), Umberto Silvestri (se stesso), Angelo Dessy (altro gangster), Amilcare Pettinelli (sig. Howard), Amedeo Trilli (notaio), Pio Campa (mr. Chapman), Nera Bruni (Lola, la pattinatrice), Liliana Zanardi (Rose), Franca Marzi (spettatrice a teatro), Mario Brizzolari (giudice della cauzione), Charlie Lamb (se stesso), Saro Urzì, Pina Gallini, Franco Cuppini, Lina Tartara Minora, Bruno Calabretta, Giulio Alfieri, Armando Furlai, Antonio Marietti, Anniboldi (se stesso), Mario Ferretti (radiocronista dell'E.I.A.R.), De Angelis (radiocronista dell'E.I.A.R.), Centobelli (se stesso), Migliorini (arbitro), Luisa Ferida, Enrico Ventura (se stesso), Primo Carnera (se stesso)
Fotografia/Photography: Anchise Brizzi
Costumi/Costume Design: Aldo Calvo
Montaggio/Editing: Maria Rosada, Renzo Lucidi
Suono/Sound: Bruno Brunacci, Arrigo Usigli
Montaggio/Editing: Nicolò Lazzari
Produzione/Production: Cines (1941)
Distribuzione/Distribution: Ente Nazionale Industrie Cinemat. ENIC
censura: 31926 del 06-05-1943
Altri titoli: Knock Out, Knock-out, Knock-out
Trama: Andato a New York per intraprendere la carriera di pugile, il giovane Tommaso Rossi si trova a dover affrontare molte difficoltà. Il fratello maggiore del ragazzo, Amedeo, che si trovava da tempo nella città statunitense e aveva fatto fortuna come costruttore edile, viene infatti incarcerato, ingiustamente accusato di omicidio da un rivale. Nonostante le trame di alcuni cinici finanzieri, Tommaso vince l'incontro con un peso massimo abissino in un affollatissimo Madison Square e utilizza la somma guadagnata per pagare la cauzione del fratello. Questi, però, appena liberato, viene colpito a tradimento dai suoi nemici. Prima di morire, Amedeo incita il fratello a fare ritorno in Italia.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information