1504 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Giacomo l'idealista (1943)

Torna indietro

Giacomo l'idealista (1943)



Regia/Director: Alberto Lattuada
Sceneggiatura/Screenplay: Emilio Cecchi, Aldo Buzzi, Alberto Lattuada
Interpreti/Actors: Marina Berti (Celestina), Massimo Serato (Giacomo Lanzavecchia), Andrea Checchi (Giacinto Magnenzio), Tina Lattanzi (contessa Cristina Magnenzio), Armando Migliari (signor Mangano), Giacinto Molteni (conte Magnenzio), Domenico Viglione Borghese (padre di Giacomo), Giulio Tempesti (don Lorenzo), Paolo Bonecchi, Silva Melandri (Lisa, sorella di Giacomo), Roldano Lupi, Dina Romano, Giselda Gasperini, Nelly Morgan, Piero Palermini, Elvira Bonecchi, Adele Baratelli, Attilio Dottesio (Battistella, un fratello di Giacomo), Felice Minotti [F. M. Costa], Anna Bianchi [Anna Lelli]
Fotografia/Photography: Carlo Nebiolo
Musica/Music: Felice Lattuada
Costumi/Costume Design: Gino C. Sensani
Scene/Scene Design: Fulvio Jacchia [Fulvio Paoli]
Montaggio/Editing: Mario Bonotti
Produzione/Production: Artisti Associati (1932)
Distribuzione/Distribution: Artisti Associati
censura: 31841 del 27-01-1943
Trama: Dopo le campagne garibaldine il giovane professore di filosofia Giacomo Lanzavecchia ritorna al proprio paese pieno di speranze, ma trova una situazione molto difficile. L'anziano padre, infatti, fa abuso di alcool e, a causa della sua cattiva gestione, l'azienda in cui il giovane lavora fallisce. Giacomo, allora, si vede costretto a rinunciare al matrimonio con Celestina, un'orfana che è stata cresciuta dalla sua famiglia, e trova lavoro presso i conti Magnenzio. Nel castello dei nobili vive anche Celestina che un giorno, sorpresa nel sonno, viene violentata dal cinico e viziato figlio dei padroni di casa. La ragazza non trova il coraggio di raccontare l'accaduto al proprio fidanzato e la contessa Magnenzio, per evitare uno scandalo, la allontana mandandola in città presso alcune parenti. Poco tempo dopo, nel tentativo di riunirsi a Giacomo, la giovane fugge di notte e cerca di fare ritorno al paese, ma durante il cammino è sorpresa da una bufera di neve. Giunta ormai stremata a destinazione, Celestina muore tra le braccia del suo innamorato.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information