scheda
 1058 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

La Fornarina (1943)

Torna indietro

La Fornarina (1943)



Regia/Director: Enrico Guazzoni
Sceneggiatura/Screenplay: Alberto Casella
Interpreti/Actors: Lida Baarova (Margherita detta la Fornarina), Walter Lazzaro (Raffaello Sanzio), Anneliese Uhlig (Eleonora d'Este), Loredana (Maria Dovizi da Bibbiena), Luigi Pavese (Sebastiano Del Piombo), Ugo Sasso (Marzio Taddei), Giorgio Costantini (Giulio Romano), Cesare Fantoni (cardinal Bibbiena), Vinicio Sofia (Baviera), Rinaldo Geleng (giullare), Amilcare Pettinelli (Agostino Chigi), Pio Campa (papa Giulio II), Nino Marchesini (governatore di Roma), Andrea Volo (Duccio), Amina Pirani Maggi (mamma Rosa), Ernesto Zanon (Bramante), Cesare Polesello (mastro Timoteo), Pia De Doses (Salvestra), Margherita Bossi Nicosia (ostessa), Giovanni Onorato (Quirino), Emilio Petacci (archiatra), Amalia Pellegrini (Marozia), Ciro Berardi (maggiordomo di Chigi), Aristide Garbini (Cola, il capo mandria), Antonio Corevi (giovane buttero), Umberto Spadaro (cliente dell'osteria)
Fotografia/Photography: Giuseppe La Torre
Musica/Music: Ezio Carabella, Giuseppe Savagnone
Costumi/Costume Design: Emma Calderini
Scene/Scene Design: Virgilio Marchi
Montaggio/Editing: Duilio A. Lucarelli
Produzione/Production: Consorzio Cinematografico "E.I.A." Produzione
Distribuzione/Distribution: E.I.A.
censura: 31987 del 21-06-1943
Altri titoli: La fornarina
Trama: Al momento delle proprie pubblicazioni nuziali, una ragazza scopre con sconcerto di risultare già sposata. Di fronte all'incredibile rivelazione il promesso sposo si adira. Anche un giovane nobile che sta per sposare la figlia di un giudice si ritrova coniugato ad un'altra. La ragazza e l'aristocratico, intenzionati a chiarire l'equivoco, vanno subito al proprio paese natale dove per caso si incontrano. Dopo una complicata e lunga serie di malintesi e litigi si scopre la verità: un impiegato comunale, deciso a vendicarsi per essere stato licenziato in tronco dopo vent'anni di servizio, ha alterato i registri inventando matrimoni e decessi e cambiando le date di nascita. Ora la situazione è chiara, ma i due falsi sposi intanto hanno capito di essersi innamorati l'uno dell'altra. I due fidanzati abbandonati, messi di fronte al fatto compiuto, si consolano a vicenda. La storia si conclude con due matrimoni.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information