1627 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Il diario di una donna amata (1936)

Torna indietro

Il diario di una donna amata (1936)



Regia/Director: Hermann Kösterlitz
Soggetto/Subject: Felix Joachimson, Fritz Rotter, opera
Sceneggiatura/Screenplay: Corrado Alvaro, Hermann Kösterlitz
Interpreti/Actors: Isa Miranda (Maria Baschkirtzeff), Hans Jaray (Guy de Maupassant), Ennio Cerlesi (Bassieux), Loris Gizzi (dottor Walitzky), Silvia De Bettini (Germaine), Gemma Bolognesi (madre di Maria), Umberto Sacripante (fotografo), Oreste Bilancia, Diana Varé, Ermete Tamberlani, Geni Sadero, Carola Caroli [Sari Karoli]
Fotografia/Photography: Willy Goldberger, Zoltan Vidor
Musica/Music: Paul Abraham
Costumi/Costume Design: Ladislao Czettel
Scene/Scene Design: Arthur Berger, Franz Meschkan
Suono/Sound: Herbert Gäneczka, Alfred Norkus
Montaggio/Editing: Ladislaus Vidor
Produzione/Production: Astra Film, Panta Film, Wien
Distribuzione/Distribution: Ente Nazionale Industrie Cinemat. ENIC
censura: 29092 del 29-02-1936
Trama: 1936 - Diario di una donna amata (Il) di H.Kosterlik Maria Baschkirtzeff, una giovane pittrice russa, si trova a Parigi per terminare i suoi studi. Il suo maestro di pittura si innamora di lei e le chiede di sposarlo. Ma Maria ama solo la propria arte e rifiuta la proposta, preferendo girovagare per la città in cerca di soggetti da ritrarre. Un giorno, mentre cammina per i quartieri popolari di Parigi, la pittrice incontra il poeta Guy de Maupassant e presto i due intrecciano una relazione. Il maestro di pittura rifiutato pensa di provocare uno scandalo, ma il medico di Maria gli rivela che la donna è gravemente malata di tisi e che ormai le rimane poco tempo da vivere. La pittrice ascolta per caso la conversazione tra il maestro e il dottore e decide quindi di allontanarsi da Maupassant, fingendo di preferire la gloria artistica all'amore. Ridotta ormai in fin di vita, Maria invoca il suo innamorato che accorre portandole una medaglia, facendola passare per una ricompensa per la vittoria di un suo quadro. Dopo aver confessato a Maupassant di non avere mai smesso di amarlo, la giovane pittrice muore.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information