1236 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

La compagnia della teppa (1941)

Torna indietro

La compagnia della teppa (1941)



Regia/Director: Corrado D'Errico
Soggetto/Subject: Ferruccio Cerio, Alessandro De Stefani
Sceneggiatura/Screenplay: Ferruccio Cerio, Alessandro De Stefani
Interpreti/Actors: Maria Denis (Ada Mellario), Adriano Rimoldi (Giorgio Appiani), Corrado Racca (marchese Carrera), Clelia Matania (madame Carolina Agudio), Erminio Spalla (oste Bartolomeo Borghi), Giorgio Costantini (Alberico Carrera), Fausto Guerzoni (notaio Ippolito Agudio), Carlo Duse (barone Duvert, capo della polizia), Dina Perbellini (signora Mellario), Nicoletta Parodi (Agnese Mellario), Roberto Bianchi Montero [Roberto Bianchi] (Ferrari), Evaristo Signorini, Goffredo Rocchetti, Michele Riccardini (Rossini), Saro Urzì (maggiordomo di casa Carrera), Dario Taron (cassiere), Ernesto Bianchi (pittore dei quadri falsi), Gorella Gori (moglie dell'oste Bartolomeo), Walter Grant (direttore del carcere), Felga Lauri (domestica di casa Mellario), Rolando Costantino, Renato Gabrielli, Olga von Kollar, Cappello Stani, Enzo Musumeci Greco
Fotografia/Photography: Massimo Terzano
Costumi/Costume Design: Rosi Gori
Scene/Scene Design: Gustavo Abel, Amleto Bonetti
Suono/Sound: Tullo Parmeggiani [Tullio Parmigiani]
Montaggio/Editing: Eraldo Judiconi [Eraldo Da Roma]
Produzione/Production: Scalera Film
Distribuzione/Distribution: Scalera Film, Cine Unione
censura: 31257 del 07-03-1941
Trama: Milano, inizio del XIX secolo. Durante la dominazione napoleonica, dei giovani nobili fondano la 'Compagnia della teppa', un'associazione segreta finalizzata a cospirare contro gli invasori. Finanzia segretamente la Compagnia il marchese Carrera, Gonfaloniere di Milano. In seguito a un'azione azzardata, il capo dell'associazione e una giovane cantante rischiano di essere catturati dalla polizia, ma vengono salvati proprio dal marchese. Nonostante questi sia innamorato della ragazza, alla fine aiuta i due giovani a sposarsi. Mentre gli innamorati si allontanano in carrozza dalla città, nello studio del nobile si inneggia alla libertà.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information