1113 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

L'albergo degli assenti (1938)

Torna indietro

L'albergo degli assenti (1938)



Regia/Director: Raffaello Matarazzo
Soggetto/Subject: Michelangelo Barricelli
Sceneggiatura/Screenplay: Edoardo Anton, Michelangelo Barricelli, Raffaello Matarazzo
Interpreti/Actors: Carla Candiani (Muriel Winnfield), Maurizio D'Ancora (giovanotto galante), Camillo Pilotto (Laplace, il capo dei malviventi), Paola Barbara (Renata), Dria Paola (giovane innamorata), Elio Steiner (giovane innamorato), Carlo Tamberlani (Morisol, l'ubriaco), Renato Chiantoni (signore distinto con il monocolo), Francesco Coop [Franco Coop] (commissario), Guglielmo Barnabò (vice-commissario), Pina Gallini (prigioniera con gli occhiali), Enzo Gainotti (capo-cuoco), Dina Romano (cliente del night "L'allegro forzato"), Eugenio Duse (Gervasio, il prigioniero folle), Alfredo Martinelli (marito tradito), Pasquale Braucci, Angelo De Mitri, Antonietta Marchi, Angelo Montagna, Marisa Mosso, Pietro Nofri, Angelo Pelliccioni, Luigi Zerbinati, Armando Arzalesi
Fotografia/Photography: Renato Del Frate
Musica/Music: Umberto Mancini
Scene/Scene Design: Piero Filippone [Pietro Filippone]
Suono/Sound: Bruno Brunacci
Montaggio/Editing: Vincenzo Zampi [Enzo Zampi]
Produzione/Production: Oceano Film
Distribuzione/Distribution: Artisti Associati
censura: 30361 del 31-10-1938
Trama: Per sbaglio la dama di compagnia di una ricca ereditiera viene rapita da alcuni membri di una banda al posto della padrona. La donna viene quindi condotta in un vecchio hotel abbandonato, dove da anni un'organizzazione criminale tiene prigioniere delle persone rapite su commissione, persone di cui, per motivi di varia natura (ad esempio dispute ereditarie), le rispettive famiglie si volevano liberare. Nel frattempo, la ricca ereditiera persuade la polizia a intraprendere delle indagini. Le ricerche non danno però i frutti sperati, quando uno dei reclusi, in un attacco di follia, dà fuoco all'edificio. La polizia accorre sul luogo dell'incendio e, liberati finalmente i prigionieri, assicura i criminali alla giustizia.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information