1311 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Abuna Messias (1939)

Torna indietro

Abuna Messias (1939)



Regia/Director: Goffredo Alessandrini
Soggetto/Subject: V. Callisto Vanzin [V. C. Vanzini], Luigi Bernardi
Sceneggiatura/Screenplay: Goffredo Alessandrini, Domenico Meccoli, Vittorio Cottafavi
Interpreti/Actors: Camillo Pilotto (cardinal Guglielmo Massaia chiamato Abuna Messias), Mario Ferrari (abuna Atanassio), Enrico Glori (re Menelik), Berclè Zaitù Tarclè (principessa Alem), Micael (Morka), Abd el Uad (capo indigeno Abu Beker), Amedeo Trilli (Ghebrà Selassié, consigliere di Alem), Corrado Racca (conte di Cavour), Ippolito Silvestri (re Johannes), Franz Sala [Francesco Sala] (marchese Antinori), Roberto Pasetti (padre Leone), Enzo Turco
Fotografia/Photography: Aldo Tonti, Renato Del Frate, Goffredo Bellisario, Carlo Giordani, Beniamino Fossati
Musica/Music: Mario Gaudiosi, Licinio Refice, Licinio Refice
Costumi/Costume Design: Carlo Pouchain, Guido Presepi
Scene/Scene Design: Carlo Pouchain, Guido Presepi
Suono/Sound: Giacomo Pitzorno
Montaggio/Editing: Giorgio C. Simonelli
Produzione/Production: R.E.F. - Romana Editrice Film
Distribuzione/Distribution: Generalcine
censura: 30744 del 12-10-1939
Altri titoli: L'apôtre du désert
Trama: Dopo aver cercato invano di ottenere l'appoggio del governo piemontese, il cardinale Guglielmo Massaia (1801-1866), detto Abuna Messias, va in Etiopia per la sua seconda missione. Qui il prelato dalla lunga barba bianca, vestito di miseri abiti, svolge la sua opera di apostolato e stringe amicizia con il futuro Negus, il re Menelik. Il capo della chiesa copta, Abuna Atanasio, si appella allora al Negus per ottenere l'espulsione del cardinale. Avendo fallito l'obiettivo, Atanasio ricorre all'imperatore e, dopo poco, scoppia la guerra tra il Negus Neghesti e il vassallo ribelle Menelik. Il conflitto si chiude con un trattato che prevede l'espulsione di Abuna Messias e del cattolicesimo dall'Etiopia. Massaia è quindi costretto ad andarsene, ma lascia dietro di sé un giovane sacerdote indigeno da lui stesso consacrato. N.B.: Nella versione attuale è stato eliminato un prologo che metteva in parallelo passato e presente attraverso la figura di un missionario che, prima di morire nel 1936 in Abissinia, fece un pellegrinaggio nei luoghi della guerra fra Italia e Etiopia.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information