34 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

I nostri passi diversi (2017)

Torna indietro

I nostri passi diversi (2017)



Regia/Director: Alberto Bennati
Soggetto/Subject: Alberto Bennati
Sceneggiatura/Screenplay: Alberto Bennati
Interpreti/Actors: Ivan Franek, Viola Graziosi, Gigi Giuffrida, Ciro Persiano, Edoardo Romano
Fotografia/Photography: Daniele Baldacci
Musica/Music: Pier Cortese
Costumi/Costume Design: Anna Cristina Vetere
Scene/Scene Design: Gino Vetere
Suono/Sound: Igor Cianti, Stefano Varini
Produzione/Production: Bluecinematv
censura: 112151 del 23-05-2017
Trama: Un uomo bizzarro e squattrinato, senza una gamba, arriva a Manfredonia e sostiene di essere il grande impresario musicale Teo Beltrami, che vuole organizzare un magnifico concerto spettacolo proprio l., nella ridente città di Manfredonia, con tutte le stelle della musica italiana degli anni '60. Col pretesto di fare i sopralluoghi, l'impostore riesce cos. ad entrare nelle grazie di una città intera, ipnotizzata dal sogno di musica e star. L'uomo vive due settimane a spese della cittadinanza, ammirato e corteggiato come un eroe. Poi sparisce come è arrivato, lasciando un'intera comunità nel caos, umiliata e ferita nel suo orgoglio. Dopo la truffa, dai notiziari si scopre che egli è un impostore seriale: nessuno metterebbe la mano sul fuoco su nessuna delle sue identità multiple. Non ha nemmeno rubato grandi quantità di denaro, quindi quale fosse il suo scopo resta un mistero. Quindici anni più tardi a Manfredonia, la radio locale viene venduta e tutti i lavoratori vengono licenziati. Mimì, una giornalista radiofonica quarantenne, viene a sapere per la prima volta la storia dell'uomo che ha avuto la capacità e il coraggio di "inventare una vita" e di ingannare anche le istituzioni manfredoniane; questa diventa una specie di idea fissa per lei. Mimì vuole svelare la storia epica di quell'uomo attraverso un'inchiesta, che sarà pubblicata on-line sul sito web di notizie locali. Pian piano, mentre Mimi chiede ai cittadini di questa storia bizzarra e scomoda del passato, appare un ritratto di una singolare comunità di persone, con le loro debolezze e paure, da un lato, ma anche con la loro generosità, la loro passione e il desiderio di voltare pagina, qualità che un imbroglione amante della vita, con il suo passaggio veloce ma intenso, ha in qualche modo scatenato. Mossa dalla curiosità, e aiutato dall'allora sindaco, Raffaele, Mimì inizia una indagine, per scoprire davvero tutte le tracce, fino alle vere origini di quell'uomo bizzarro, che ha donato un meraviglioso sogno di riscatto alla città pugliese e, probabilmente, a Mimì se stessa..

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information