47 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

La notte eterna del coniglio (2006)

Torna indietro

La notte eterna del coniglio (2006)

The Rabbit's Endless Night



Regia/Director: Valerio Boserman
Soggetto/Subject: Fabio Campus, da om. rom. di Giacomo Gardumi
Sceneggiatura/Screenplay: Fabio Campus, Vanessa Picciarelli, Valerio Boserman
Interpreti/Actors: Laura More, Michelangelo Pulci, Franco Olivero, Marco Fubini, Gilda Turco, Franco Vaccaro, Rosalba Bongiovanni, Luciano Cravino, Sara Liotta, Gabriele Salerno
Fotografia/Photography: Fernando Ciangola
Musica/Music: Francesco Andreucci
Costumi/Costume Design: Francesca Parodi
Scene/Scene Design: Paolo Innocenzi
Montaggio/Editing: Pino Gadaleta
Suono/Sound: Vito Martinelli
Produzione/Production: A.K.S. All Kind of Stuff, Lumiq S.p.a., Rai Cinema
censura: 100109 del 11-08-2006
Altri titoli: The Rabbit's Endless Night
Trama: Un'inaspettata apocalisse nucleare spazza via la razza umana e trasforma la terra in un pianeta morto. Sopravvivono quattro piccoli nuclei familiari di Torino, sigillati dentro altrettanti minirifugi antiatomici provvidamente scavati nel prato dietro casa. I superstiti, completamente isolati gli uni dagli altri, possono comunicare tra loro in video grazie a un trasmettitore satellitare Sin dal primo momento, si rendono conto di non avere sufficiente cibo per poter sopravvivere in quelle condizioni. Inoltre Anna è cosciente di essere incinta. Costretti dalle radiazioni esterne a rimanere nei bunker, come potranno farcela? Improvvisamente, gli occupanti di uno dei rifugi cominciano a udire degli strani rumori, dei colpi battuti contro la pesante porta blindata che li separa dall'esterno, come se qualcuno stesse "bussando" per poter entrare, nonostante la telecamera con cui scrutano la superficie riveli loro chiaramente che nessuno si è mai avvicinato. Nel volgere di poche ore gli avvenimenti misteriosi si moltiplicano...
Sinopsys: A nuclear apocalypse wipes out the human race, turning the earth into a dead planet. Four families survive in Turin, sealed inside an equal number of mini atomic shelters they have dug in their backyards. The surviving families are completely isolated from each other, with a video satellite transmitter their only means of communication. They quickly realise that they do not have enough food to survive. And one of them, Anne, knows she is pregnant. Forced by the outside radiation to stay in the bunkers, what will they do? At a certain point, the inhabitants of one of the shelters begin to hear strange noises, as if someone were "knocking" on the heavy armoured door, trying to get in, even though the TV camera trained on the ground level makes it clear that no one is out there. In just a few hours' time, the strange events become more frequent...

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information