23 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Belluscone, una storia siciliana (2014)

Torna indietro

Belluscone, una storia siciliana (2014)



Regia/Director: Franco Maresco
Soggetto/Subject: Franco Maresco
Sceneggiatura/Screenplay: Franco Maresco, Claudia Uzzo
Interpreti/Actors: Ciccio Mira, Tatti Sanguineti, Pino Maniaci, Vittorio Ricciardi, Salvatore Ficarra, Valentino Picone
Fotografia/Photography: Luca Bigazzi
Costumi/Costume Design: Cesare Inzerillo, Nicola Sferruzza
Scene/Scene Design: Cesare Inzerillo, Nicola Sferruzza
Suono/Sound: Luca Bertolin
Produzione/Production: Ila Palma di Rean Duilio Mazzone, Dream Film
Distribuzione/Distribution: Parthenos
censura: 108796 del 04-09-2014
Trama: Il film che avrebbe voluto raccontare il rapporto unico tra Berlusconi e la Sicilia, attraverso le disavventure dell'impresario palermitano di cantanti neomelodici, organizzatore di feste di piazza, Ciccio Mira - imperterrito sostenitore di Berlusconi e nostalgico della mafia di un tempo - e dei due artisti della sua "scuderia", Erik e Vittorio Ricciardi, che in cerca di successo decidono di esibirsi insieme nelle piazze palermitane con la canzone scritta dal primo, dal titolo "Vorrei conoscere Berlusconi".
Sinopsys: The film critic Tatti Sanguineti arrives in Palermo to find out what has happened to Franco Maresco's unfinished movie: Belluscone. Una storia siciliana. A film that was supposed to tell the story of the unique relationship between Berlusconi and Sicily through the misadventures of the Palermitan impresario of Neapolitan "neomelodic" singers and organizer of street festivals, Ciccio Mira-an undaunted supporter of Berlusconi, nostalgic for the old days' Mafia- and two artists in his stable, Erik and Vittorio Ricciardi, who perform in the squares of Palermo a song entitled "Vorrei conoscere Berlusconi" ("I Want to Meet Berlusconi"). The film focuses on three failures: the political and human one of a Berlusconi now on the wane; that of the unfortunate and "slapdash" Ciccio Mira, rooted in an old but tenacious culture; and finally, the artistic one of the director, who chooses to disappear after realizing that tilting at political windmills is pointless, in a country that has long identified with Berlusconian "culture" and probably continues to do so.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information