1361 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

La rabbia di Louis Nero (2008)

Torna indietro

La rabbia di Louis Nero (2008)

The Rage



Regia/Director: Louis Nero
Soggetto/Subject: Louis Nero
Sceneggiatura/Screenplay: Louis Nero
Interpreti/Actors: Franco Nero, Nico Rogner, Faye Dunaway, Giorgio Albertazzi, Tinto Brass, Lou Castel, Arnoldo Foà, Philippe Leroy, Corin Redgrave, Corso Salani, Giampiero Lisarelli
Fotografia/Photography: Louis Nero
Musica/Music: Teho Teardo
Scene/Scene Design: Vincenzo Fiorito
Montaggio/Editing: Louis Nero
Produzione/Production: Louis Nero Film sas
Distribuzione/Distribution: L'Altrofilm Distribuzione
Vendite all'estero/Sales abroad: Wide Management
censura: 101295 del 17-01-2008
Altri titoli: The Rage
Trama: La storia raccontata è quella di un giovane regista che tenta disperatamente di realizzare un film. Assorbito totalmente dal suo sogno, anche quello che appare come l’unico legame sentimentale, il rapporto con la fidanzata convivente, diventa sempre più blando fino a spezzarsi del tutto. Unico scopo del suo passaggio sulla terra è quello di lasciare un segno tangibile, attraverso la creazione di un racconto per immagini. Agli incontri del regista con due amici sceneggiatori in un bar fumoso, o con il vecchio mentore sotto il dehor di un locale deserto, fa da sfondo un paesaggio onirico e, a tratti, spettrale che urla tutto il suo materialismo, la città. Sarà un’azione estrema suggerita da una frase di Bertolt Brecht, ovvero la rapina di una banca per autoprodursi, a dare una chiave universale a tutta la vicenda.
Sinopsys: A young director lives with a girl. Active part of the Intellectual society, he represents perfectly the union between fear and determination, that changes deeply his way of understanding the world that surrounds him. His only aim is to leave a footstep of his presence on this world realizing a film. Daily vent seems to be the bar meeting with two writers friends, perfect place where to dream about their future. They usually discuss and debate about a lot of subjects. The rude reality is that to be part of this huge cinema machine he needs money to let his dream becomes true. Brecht said:” what is rob a bank compared to create a bank?”, aphorism that leads the protagonist to get easy money (robbing banks to produce his film).

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information