2835 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Il divo (2008)

Torna indietro

Il divo (2008)



Regia/Director: Paolo Sorrentino
Soggetto/Subject: Paolo Sorrentino
Sceneggiatura/Screenplay: Paolo Sorrentino
Interpreti/Actors: Toni Servillo, Anna Bonaiuto, Giulio Bosetti, Flavio Bucci, Carlo Buccirosso, Giorgio Colangeli, Alberto Cracco, Piera Degli Espositi, Lorenzo Gioielli, Paolo Graziosi, Gianfelice Imparato, Massimo Popolizio, Aldo Ralli, Giovanni Vettorazzo
Fotografia/Photography: Luca Bigazzi
Musica/Music: Teho Teardo
Costumi/Costume Design: Daniela Ciancio
Scene/Scene Design: Lino Fiorito
Suono/Sound: Emanuele Cecere
Montaggio/Editing: Cristiano Travaglioli
Produzione/Production: Indigo Film, Lucky Red, Parco Film, Babe Films, StudioCanal, Arte France Cinéma, Paris, Sky Cinema
Distribuzione/Distribution: Lucky Red Distribuzione
Vendite all'estero/Sales abroad: Beta Cinema
censura: 101748 del 19-05-2008
Trama: A Roma, all’alba, quando tutti dormono, c’è un uomo che non dorme. Quell’uomo si chiama Giulio Andreotti. Non dorme perché deve lavorare, scrivere libri, fare vita mondana e, in ultima analisi, preg are. Pacato, sornione, imperscrutabile, Andreotti è il potere in Italia da quattro decenni. Agli inizi degli anni novanta, senza arroganza e senza umiltà, immobile e sussurrante, ambiguo e rassicurante, avanza inarrestabile verso il settimo mandato come presidente del consiglio. Alla soglia dei settant’anni, Andreotti è un gerontocrate che non teme nessuno e non sa cosa sia il timore reverenziale. La sua contentezza è il potere. Col quale vive in simbiosi. Fino a quando il contropotere più forte di questo paese, la Mafia, decide di dichiarargli guerra. Allora le cose cambiano.
Sinopsys: In the middle of the night, Rome sleeps, except for one man. Giulio Andreotti. He is awake because he has to work, write books, attend social events and then, when all is said and done, pray. Calm, mutely ironic, inscrutable, Andreotti has personified power in Italy for four decades. In the early 90’s, with neither arrogance or humility, motionless, speaking in hushed tones, both ambiguous and reassuring, he advances irresistibly towards his seventh appointment as Prime Minister of Italy. About to turn seventy, a member of the old guard, Andreotti fears no one and has no sense of what reverential respect might be. His satisfaction is power, with which he lives in perfect symbiosis. Until Italy’s strongest alternative power, the Mafia, decides to attack him.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information