1262 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Come il vento (2013)

Torna indietro

Gallery

Come il vento (2013)

Like the Wind



Regia/Director: Marco Simon Puccioni
Soggetto/Subject: Marco Simon Puccioni
Sceneggiatura/Screenplay: Marco Simon Puccioni, Heidrun Schleef, Nicola Lusuardi
Interpreti/Actors: Valeria Golino (Armida Miserere), Filippo Timi (Umberto Mormile), Marcello Mazzarella (Stefano), Salvio Simeoli (Antonio), Rosa Pianeta (Cristina), Mimmo Mancini (colonnello carabinieri), Giorgia Sinicorni (Isabella), Giovanni Fois [Vanni Fois] (Cossu), Diego Migeni (agente Pianosa), Gerardo Mastrodomenico (PM Cardi), Francesco Acquaroli (comandante Pianosa), Vanni Bramati (Maurizio), Enrico Silvestrin (comandante Lodi), Chiara Caselli (Rita)
Fotografia/Photography: Gherardo Gossi
Musica/Music: Shigeru Umebayashi
Costumi/Costume Design: Ginevra Polverelli
Scene/Scene Design: Emita Frigato
Montaggio/Editing: Catherine Maximof, Roberto Missiroli
Suono/Sound: Guido Spizzico
Produzione/Production: Intelfilm, Red Carpet S.r.l., Amovie Productions, Les Films du Present
Distribuzione/Distribution: Iervolino Entertainment
Vendite all'estero/Sales abroad: UDI - Urban Distribution International
censura: 107927 del 26-11-2013
Altri titoli: Like the Wind
Trama: Questa è la storia di una donna guidata dal suo senso di giustizia e dal suo dolore interiore, che visse e morì per il suo lavoro. La sceneggiatura è liberamente ispirata alla vita di Armida Miserere una delle prime donne a dirigere un carcere in Italia, una donna che ha iniziato a lavorare a metà degli anni ottanta, subito dopo l'entrata in vigore della legge Gozzini e ha saputo affermarsi in un ambiente ancora militarizzato e maschilista ottenendo stima e rispetto degli agenti come della popolazione carceraria. Ci. che rende particolarmente interessante la sua vicenda umana sono le sue apparenti contraddizioni: si era fatta la reputazione di "dura" (era soprannominata "fimmina bestia" dai detenuti dell'Ucciardone) perché doveva confrontarsi con personalità molto forti, ma la sua vita è stata il continuo tentativo di mantenere vivo il suo lato più umano e femminile.
Sinopsys: The tragic story of Armida Miserere, one the first Italian woman who became prison director, called during her career to lead the "hottest" jails of Italy in contact with the worst criminals, terrorists and gangsters of our time.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information