38 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Nina (2012)

Torna indietro

Gallery

Nina (2012)



Regia/Director: Elisa Fuksas
Soggetto/Subject: Elisa Fuksas
Sceneggiatura/Screenplay: Elisa Fuksas, Valia Santella
Interpreti/Actors: Diane Fleri, Luca Marinelli, Luigi Catani, Marina Rocco, Ernesto Mahieux, Andrea Bosca
Fotografia/Photography: Michele D'Attanasio
Musica/Music: Andrea Mariano
Costumi/Costume Design: Grazia Colombini
Scene/Scene Design: Carmine Guarino
Suono/Sound: Alessandro Bianchi, Ivano Mataldi
Montaggio/Editing: Eleonora Cao, Natalie Cristiani
Produzione/Production: Paco Cinematografica S.r.l., Magda Film, Rai Cinema
Distribuzione/Distribution: Fandango
Vendite all'estero/Sales abroad: Intramovies
censura: 105004 del 08-02-2012
Trama: La vicenda nasce da una scusa. Dal caso. Il suo migliore amico le chiede un favore: prendersi cura di Omero, il cane depresso dei genitori. La ragazza accetta, trasferendosi nella casa di famiglia dell'amico. Un quartiere sconosciuto, abbagliante, fuori scala: l'Eur. Qui le persone appaiono e scompaiono. Qui ogni cosa è all'apparenza immobile, ogni spazio un deserto disabitato. Eppure, da questo momento in poi, per la ragazza inizia un periodo nuovo, magico,fatto di incontri. Una serie di personaggi perennemente in bilico tra il miraggio e la realtà costellano questa strana estate. Il professor De Luca, sinologo napoletano, Ettore, atipico bambino custode del palazzo dove è finita a vivere, il cane Omero, Marta, ragazza energica e vitale a cui Nina fa lezioni di canto "clandestine" ma soprattutto Fabrizio, un violoncellista incontrato per caso ed inseguito per scelta, nelle notti male illuminate e nei giorni di sole implacabile dell'Eur. Traghettatori a volte inconsapevoli a volte no in questo intervallo di crescita che condurrà Nina ad una inaspettata consapevolezza: quella del sentire e del sentirsi.
Sinopsys: This heartwarming tale of a lonesome girl named Nina, who teaches singing and dog-sits during her summer holidays on the outskirts of Rome, is the debut feature of a promising female director. Its striking cinematography evokes Nina's indefinable anxiety.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information