1646 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Happy family (2010)

Torna indietro

Gallery

Happy family (2010)



Regia/Director: Gabriele Salvatores
Soggetto/Subject: da omonima commedia teatrale
Sceneggiatura/Screenplay: Gabriele Salvatores, Alessandro Genovesi
Interpreti/Actors: Fabio De Luigi, Diego Abatantuono, Fabrizio Bentivoglio, Margherita Buy, Carla Signoris, Valeria Bilello, Alice Croci, Gianmaria Biancuzzi, Corinna Agustoni, Sandra Milo
Fotografia/Photography: Italo Petriccione
Costumi/Costume Design: Patrizia Chericoni
Scene/Scene Design: Rita Rabassini
Montaggio/Editing: Massimo Fiocchi
Suono/Sound: Mauro Lazzaro, Luca Novelli
Produzione/Production: Colorado Film Production - C.F.P., Rai Cinema
Distribuzione/Distribution: 01 Distribution
Vendite all'estero/Sales abroad: Rai Trade
censura: 103249 del 25-02-2010
Trama: Due famiglie incrociano i destini a causa dei figli sedicenni caparbiamente decisi a sposarsi. Un banale incidente stradale catapulta Ezio al centro di questo microcosmo, nel quale i genitori possono essere saggi, ma anche più sballati dei figli, le madri nevrotiche e coraggiose, le nonne inevitabilmente svampite, le figlie bellissime e i cani cocciuti e innamorati. In poche parole, due famiglie di oggi, che sfuggono alle catalogazioni e alle etichette, in evoluzione continua, in equilibrio precario, vive, felici e confuse. Happy Family è una confessione camuffata, un diario mascherato, una commedia che parla della paura di essere felici, di cambiare la nostra vita per qualcos'altro che non conosciamo.
Sinopsys: The destiny of two families becomes intertwined when two headstrong fifteen-year olds decide to get married. Because of a trivial road accident, Ezio is thrown into a sort of microcosm where parents may be wise but also nuttier than teens, mothers are neurotic but brave, grandmother are inevitably foolish, daughters are gorgeous and dogs are stubborn and in love. In short, two contemporary families which slip classifications and labels, and constantly evolve, in an unstable balance, alive, happy, bewildered. Happy Family is a disguised admission, a disguised diary, a play about fearing happiness, about the fear to turn to something we do not know.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information