35 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Diario di un maniaco per bene (2014)

Torna indietro

Diario di un maniaco per bene (2014)



Regia/Director: Michele Picchi
Soggetto/Subject: Michele Picchi
Sceneggiatura/Screenplay: Michele Picchi
Interpreti/Actors: Giorgio Pasotti, Valeria Ghignone, Valentina Beotti, Angela Antonini, Tatiana Lepore, Rita Capri, Gloria Cinconze, Ninni Bruschetta, Danila Stalteri, Sonia De Meo, Maria Grazia Nazzari
Fotografia/Photography: Duccio Cimatti
Costumi/Costume Design: Francesca Apostolico, Antonio Di Dio
Scene/Scene Design: Roberta Amodio
Suono/Sound: Lorenzo Corvi
Montaggio/Editing: Vittorio Torre
Produzione/Production: Cydia
censura: 108436 del 06-05-2014
Trama: Che cosa accade quando una persona ha il totale controllo delle sue emozioni e non lascia trasparire nulla agli altri delle sue tensioni interiori? Lupo, questo ? il nome del nostro protagonista quarantenne, ha uno sguardo seducente e dei modi dolci e affabili che non lasciano trasparire nulla, o quasi, della sua crisi esistenziale e dello stallo creativo della sua attivit? di pittore. Anche nei momenti pi? drammatici, riesce ad uscire da "personaggio di se stesso" e a rassicurare il mondo. Sembra questa la sua funzione prevalente nei rapporti con gli altri: rassicurare, calmare, dare serenit?: tutti, proprio per il suo sorriso costante, lo ritengono il pi? saggio e il pi? calmo. Il film comincia con Lupo che decide di impiccarsi dopo essere stato lasciato da tre donne consecutive: ma appena appende la corda a una trave del suo salone da pittore, viene interrotto dalla telefonata di un'amica che via skype gli chiede consigli d'amore perch? in crisi con il partner. Lupo senza battere ciglio scende dalla scala dove ? salito per appendersi al cappio e va al computer a darle consigli, riuscendo meravigliosamente nell'impresa, senza intoppi, senza tentennare. Con la voce impostata di un consumato esperto d'amore. Intanto la corda pende sopra di lui... Sembra il suo destino dare consolazione a chi sta molto meglio di lui: gli amici lo cercano come consulente d'amore, mentre la sua vita sentimentale ? ridotta a zero; poverissimo in canna, riesce per. a dare manforte alla sua ex che gli telefona per lamentarsi dei ribassi del suo stipendio... E' talmente bravo nel rassicurare, che nessuno pu. sospettare il suo turbolento mondo interiore. Se rinvia la decisione di suicidarsi, per il momento, di questo segreto nessuno potr? mai sospettare niente, grazie alla sua rassicurante disponibilit? e a questa sua abilit? consolatoria. Solo noi spettatori siamo al corrente della sua realt? interiore, della sua ironia sugli altri e sulla vita, dei suoi pensieri surreali, esistenziali e "filosofici", grazie alla costante presenza della sua Voce Off che commenta le sue azioni e le situazioni nelle quali si imbatte. Colta e intellettuale, la Voce Off di Lupo ci mette al corrente del suo sarcasmo sul mondo, in un costante contrasto tra ci. che gli altri percepiscono di lui, vedendolo sempre disponibile e sorridente, e l' "Eversiva" voce fuori campo con cui invece viene fuori il vero Lupo, il reale se stesso della sua voce interiore con cui sfotte il mondo, lo dissacra, lo critica. Lui non reagisce, la sua "vendetta" ? la Voce Off che ironizza sul mondo. Con l'amministratore del suo palazzo che lo trascina alle insopportabili riunioni di condominio, con l'amico Giulio che vuol farlo fidanzare a tutti i costi, con le donne, con la suora che periodicamente Lupo va a corteggiare in una chiesa del centro con la scusa dei suoi dubbi "teologici", con il gallerista "potente" al quale si presenta pieno di timori, il suo Io Interno e la sua Apparenza Esterna non coincidono mai, se non in minima parte. Con risultati a volte drammatici e a volte comici. Solo con la nipotina di nove anni, Lupo ? se stesso per "intero", senza voce off, senza doppio livello. E infatti la piccola Flaminia ? il grillo parlante che tira fuori la parte migliore di Lupo nel rapporto con gli altri, che lo provoca e gli chiede perch? ? senza una donna, e lo spinger? senza saperlo a uscire da questa corazza con cui si nasconde. A decidere di intervenire nella sua vita, a ricominciare ad esistere, ad amare e a dipingere.
Sinopsys: A bitter comedy that revolves around a 40-years old man in crisis and, for this reason, ironic to the outside world and to himself.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information