167 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Klimt & Schiele - Eros e psiche (2018)

Torna indietro

Klimt & Schiele - Eros e psiche (2018)



Regia/Director: Michele Mally
Soggetto/Subject: Michele Mally
Sceneggiatura/Screenplay: Michele Mally, Arianna Marelli
Fotografia/Photography: Mateusz Stolecki
Musica/Music: Christian Bakanic
Montaggio/Editing: Valentina Ghilotti
Suono/Sound: Tommaso Zerbini
Produzione/Production: 3D Produzioni, Nexo Digital, Ministero per i Beni e le Attività Culturali (MiBAC) - Direz
Distribuzione/Distribution: Nexo Digital S.r.l.
censura: 113767 del 11-10-2018
Trama: Vienna, 1918, nel cuore della Mitteleuropa, dove un'epoca dorata è ormai al tramonto. Klimt e Schiele. Eros e Psiche si apre infatti nella notte del 31 ottobre quando, nel letto della sua casa, muore Egon Schiele, una delle 20 milioni di vittime dell'influenza spagnola. Schiele si spegne guardando in faccia il male invisibile, come solo lui sa fare: dipingendolo. Ha 28 anni e solo pochi mesi prima il salone principale del palazzo della Secessione si è aperto alle sue opere, 19 oli e 29 disegni, con la celebrazione di una pittura che rappresenta le inquietudini e i desideri dell'uomo. Qualche mese prima è morto anche il suo maestro e amico Gustav Klimt, che dall'inizio del secolo aveva rivoluzionato il sentimento dell'arte, fondando un nuovo gruppo: la Secessione. Oggi i capolavori di questi due artisti attirano visitatori da tutto il mondo, a Vienna come alla Neue Galerie di New York, ma sono anche immagini pop che accompagnano la nostra vita quotidiana su poster, cartoline e calendari. Ora, cent'anni dopo, le opere di questi artisti visionari - tra Jugendstil e espressionismo - tornano protagoniste assolute nella capitale austriaca, insieme a quelle del designer e pittore Koloman Moser e dell'architetto Otto Wagner, morti in quello stesso 1918 sempre a Vienna. Prendendo spunto da alcune delle tante mostre che stanno per aprirsi in occasione del centenario, il film evento ci guida tra le sale dell'Albertina, del Belvedere, del Kunsthistorisches, del Leopold, del Freud e del Wien Museum, ripercorrendo questa straordinaria stagione: un momento magico per arte, letteratura e musica, in cui circolano nuove idee, si scoprono con Freud i moti della psiche e le donne cominciano a rivendicare la loro indipendenza.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information