72 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

L'isola di Medea (2017)

Torna indietro

L'isola di Medea (2017)



Regia/Director: Sergio Naitza
Sceneggiatura/Screenplay: Sergio Naitza
Fotografia/Photography: Luca Melis
Musica/Music: Marco Rocca
Montaggio/Editing: Davide Melis
Produzione/Production: Karel Società Cooperativa, Europa Cultura Ass. Culturale
censura: 112586 del 24-10-2017
Trama: Il documentario "L'isola di Medea" esplora il rapporto speciale nato nell'estate del 1969 durante la lavorazione del film "Medea" tra il regista Pier Paolo Pasolini e la protagonista Maria Callas. Non fu una storia d'amore classica, come la dipinse la stampa dell'epoca attratta dal potenziale mediatico della coppia: un regista scomodo e provocatorio, dichiaratamente omosessuale e una celeberrima cantante d'opera appena "scaricata" dall'armatore Onassis. Fu invece l'incontro fra due anime sensibili, la nascita di un rapporto artistico bello e coinvolgente, di un'amicizia profonda e speciale. Il racconto di questa affinità elettiva prende forma attraverso i ricordi e gli aneddoti dei componenti della troupe e degli amici più cari della coppia: parlano Ninetto Davoli, che condivise con Pasolini momenti privati e artistici; Nadia Stancioff, l'assistente personale della Callas; il costumista Piero Tosi, la costumista Gabriella Pescucci, il direttore di produzione Fernando Franchi, l'attore Giuseppe Gentile (all'epoca campione olimpionico di salto triplo), l'attrice Piera Degli Esposti (che debutt. con "Medea"), la scrittrice Dacia Maraini (che con Pasolini, Moravia e la Callas fece due lunghi viaggi in Africa), lo storico del cinema Roberto Chiesi (che è anche il direttore del Centro Studi-Archivio Pasolini presso la Cineteca di Bologna): ciascuno illumina con particolari anche inediti il legame che un. Pier Paolo e Maria, soprattutto durante le riprese del film nel set dell'isola di Grado e della laguna: un luogo dove Pasolini trovava le sue radici friulane e dove amava ritirarsi per scrivere e pensare e nel quale port. spesso anche la Callas. Alcuni frammenti delle lettere e poesie che il regista e la cantante si scambiarono, letti da voci off e illustrati dai disegni di Davide Toffolo, segnano come capitoli il documentario, approfondendo i dettagli di un rapporto delicato e sincero. A far da corollario anche le voci delle comparse del film, reclutate nell'isola di Grado: un punto di vista popolare, ricco di piccole curiosità. Quest'anno ricorre il quarantesimo dalla morte di Maria Callas (16 settembre 1977). Fra le tante celebrazioni, questo documentario indaga su un momento particolare della vita della divina: "Medea" fu la sua prima e unica prova d'attrice al cinema, il film fu per lei un momento di riscatto contro l'umiliazione subita da Onassis e un mettersi alla prova poiché come cantante d'opera era ormai al tramonto, mentre l'incontro con Pasolini, uomo colto e sensibile, le diede nuova forza e linfa artistica.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information