13 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Valzer (2008)

Torna indietro

Valzer (2008)

The waltz



Regia/Director: Salvatore Maira
Soggetto/Subject: Salvatore Maira
Sceneggiatura/Screenplay: Salvatore Maira
Interpreti/Actors: Valeria Solarino, Maurizio Micheli, Graziano Piazza, Marina Rocco, Eugenio Allegri, Francesco Feletti, Francesco Cordio, Zaira Berrezouga, Gianni Cannavacciuolo, Giuseppe Moretti, Benedicta Boccoli
Fotografia/Photography: Maurizio Calvesi
Musica/Music: Nicola Campogrande
Costumi/Costume Design: Cristina Audisio
Scene/Scene Design: Seanne Grasso
Suono/Sound: Gianluca Costamagna
Produzione/Production: Home Production s.r.l.
Distribuzione/Distribution: 01 Distribution
Vendite all'estero/Sales abroad: Rai Trade
censura: 101509 del 03-03-2008
Altri titoli: The waltz
Trama: Questo film è stato girato in un unico piano sequenza. Anche le parti in flash back non interrompono il flusso continuo della narrazione principale, perché simultanee ad essa. Non si tratta di un virtuosismo stilistico, il film è stato concepito così fin dalla sua prima ispirazione narrativa e musicale. Il Valzer del titolo è quello che viene suonato durante il film e che accompagna l’andamento musicale della narrazione che si articola su due livelli architettonici e narrativi diversi. In un’ora e mezza la vita di due persone cambia definitivamente: ai piani inferiori di un grande albergo, una giovane cameriera e un uomo si incontrano in una situazione che mette in crisi ogni identità e certezza. Il piano sequenza lega insieme le storie e le sottostorie in un unico, apparentemente leggero, valzer.
Sinopsys: This film was shot using one long sequence shot. Even the flashbacks do not interrupt the continuous flow of the main narrative, being simultaneous to it. It is not a case of stylistic virtuosity, nor technological feat; the film was conceived in this way starting from its first narrative and musical inspirations. The “Valzer” (waltz) mentioned in the title is the one which is played during the film, accompanying the musical style of the narrative which is divided into two different architectural and narrative levels. The lives of two people are drastically changed in the space of one and half hours: in the lower floors of a big hotel, a young waitress meets a man in a situation which threatens their identities and certainties. The sequence shot brings together the main and underlying stories in one, seemingly light waltz becoming the point of view of the “humble”, the form of their bewilderment.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information