56 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Gli sfiorati (2011)

Torna indietro

Gallery

Gli sfiorati (2011)



Regia/Director: Matteo Rovere
Soggetto/Subject: Laura Paolucci, Francesco Piccolo, Matteo Rovere, da om. rom. di S. Veronesi
Sceneggiatura/Screenplay: Laura Paolucci, Francesco Piccolo, Matteo Rovere
Interpreti/Actors: Andrea Bosca, Miriam Giovanelli, Michele Riondino, Massimo Popolizio, Aitana Sanchez Gijon, Asia Argento, Claudio Santamaria
Fotografia/Photography: Vladan Radovic
Musica/Music: Andrea Farri
Costumi/Costume Design: Monica Celeste
Scene/Scene Design: Alessandro Vannucci
Montaggio/Editing: Giogiò Franchini
Suono/Sound: Maricetta Lombardo
Produzione/Production: Fandango, Rai Cinema
Distribuzione/Distribution: Fandango
Vendite all'estero/Sales abroad: Fandango Portobello Sales
censura: 104543 del 17-08-2011
Trama: Nel cuore di questa storia dorme una bomba a orologeria di nome Belinda, la sorella di Méte che torna a Roma per il matrimonio dei genitori. I due ragazzi, diversissimi tra loro, ma figli dello stesso padre, si conoscono appena e devono condividere per qualche giorno la casa di lei nel centro della città. Belinda, diciassettenne fuggevole e luminosa, non esce mai, e vive senza preoccupazioni apparenti. Méte, profondo e responsabile, ha perso la madre da sei mesi, e ha un rapporto tutt'altro che risolto con il padre Sergio, commentatore sportivo di una TV locale, uomo di cui non accetta le scelte di vita, soprattutto la volontà di risposarsi con la madre di Belinda, Virna. Belinda, Méte e poi Damiano, Bruno, Sofia e Beatrice Plana. Sono loro i giovanissimi eroi di una generazione che cerca di vivere ogni cosa, di afferrare tutto quello che scorre intorno: lo sperpero, il caos allo stato fluido, le rincorse metropolitane, il televisore perennemente acceso che lancia i suoi riflessi azzurri in stanze piene di fumo. La storia mette in campo gli sbandati fratelli minori degli anni duemila, fissandone il carattere liquido e accelerandone il destino. Sono loro gli "Sfiorati", nello scenario di una Roma mai così eterna.
Sinopsys: Belinda and then Damian, Bruno, Sofia Plana and Beatrice. They are the young heroes of a generation that seeks to live everything, to grab everything that flows around: the squandering, chaos in a fluid state, the night races in town, the TV constantly throwing blue reflections in rooms full of smoke. The story highlights the stragglers youngsters of years 2000, setting the character and their "liquid" fate. They are the "borders" around the backdrop of Rome, ever so eternal.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information