1634 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Strane storie (1994)

Torna indietro

Strane storie (1994)

Strange Stories (Tales From the Century's End)



Regia/Director: Sandro Baldoni
Soggetto/Subject: Sandro Baldoni, Johnny Dell'Orto
Sceneggiatura/Screenplay: Sandro Baldoni, Johnny Dell'Orto
Interpreti/Actors: Ivano Marescotti (l'utente ritardatario), Ivano Marescotti (il tenero), Ivano Marescotti (il padre povero), Ivano Marescotti (il passeggero serio), Silvia Cohen, Silvia Cohen (la donna sola), Silvia Cohen (la madre ricca), Silvia Cohen (la passeggera), Mariella Valentini (la madre povera), Mariella Valentini (la donna di un passeggero), Alfredo Pea (il padre ricco), Alfredo Pea (il marito di una passeggera), Flavio Bonacci (il padre narratore), Consuelo Stangarone (ragazza del treno), Sebastiano Filocamo (percettore), Sebastiano Filocamo (controllore treno), Johnny Dell'Orto (muratore chilien), Johnny Dell'Orto (l'ivrogne), Johnny Dell'Orto (venditore d'oignons), Eugenio Ravo (membro camorra), Eugenio Ravo (venditore bibite), Gianfranco Tondini, Carolina Salomè, Roberto Mantovani, Gianni Quillico, Giorgio Melazzi, Maurizio Sabbatini, Danilo Iannetta, Gabriele Fantoni, Allison Forest, Valentina Maccagnan
Fotografia/Photography: Renato Alfarano
Costumi/Costume Design: Paola Romano
Scene/Scene Design: Giancarlo Basili, Leonardo Scarpa
Montaggio/Editing: Dede Dedevitiis, Vilma Conte
Suono/Sound: Maurizio Argentieri, Marco Fiumara, Marco Tidu
Produzione/Production: Film Master Film, Pasodoble, Green Movie, Film Master Clip
Distribuzione/Distribution: Lucky Red Distribuzione
censura: 89938 del 30-12-1994
Altri titoli: Strange Stories (Tales From the Century's End)
Trama: E' un film al confine tra reale e surreale. La linea di separazione tra i due mondi si fa sempre più sottile, durante lo svolgimento del racconto, fino a sottolineare, nel finale, I'ambiguità tra mondo reale e mondo irreale. Il film tenta di raccontare la lenta trasformazione del mondo che ci circonda, con uno sguardo rivolto al ridicolo - assurdo - angoscioso della realtà. Il pretesto per affrontare questi temi è un viaggio in treno che un padre un po'anomalo compie con sua figlia. La ragazzina gli chiede di raccontare delle storie, e lui gliele racconta. Sono storie che lui inventa lì per lìD, un po' comiche e un po' angosciose. Ad un signore viene staccata l'aria perche non ha pagato la bolletta. Una donna sola va a comperare un uomo al supermercato. La guerra di sguardi di due famiglie, che vivono una di fronte all'altra, finisce per diventare una guerra vera con conseguenze imprevedibili. Man mano che altri passeggeri entrano nello scompartimento, sono coinvolti dal papà nei suoi racconti. Finita l'ultima storia, i passeggeri dello scompartimento discutono sulla possibilità che le cose raccontate possano avverarsi o meno e finiscono per litigare. Finché non si accorgono di trovarsi anch'essi all'interno di un'altra strana storia: si ritrovano a camminare a piedi davanti alla carrozza del treno Italicus, sventrata dalla bomba ed ora abbandobnata tra i rifiuti. E' questa una delle storie più strane della realtà italiana degli ultimi anni.
Sinopsys: "Strange Stories" walks the thin line between reality and the surreal. As the story unfolds, the distinction becomes more and more subtle until it underlines, in the finale, the ambiguity between the real and surreal nature of our world, its tales illustrate the slow transformation of the world that surrounds us, with all that is ridiculous, absurd, and anguishing. The pretext is a train trip which an unusual father takes with his daughter. The little girl asks him to tell her stories. The father tells her tales he invents on the spot, stories that are both comic and distressing... A man's air is cut off because he hasn't paid his airbill. A lonely man goes to buy a man in the supermarket. A war of dirty looks between families in facing apartments turns into a real war with unexpected consequences. One by one, as other passengers join them in their compartment, the father involves them in the stories too. When the last story is done the passengers discuss whether the things he has recounted could actually happen or not. The discussion grows heated and they end up fighting... Until they realize that they themselves are somehow now part of another strange story; they find themselves walking past a car from the "Italicus", the train gutted in a tunnel by a terrorist bomb, now lying burned and abandoned in a junkpile.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information