2339 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

L'uomo proiettile (1995)

Torna indietro

L'uomo proiettile (1995)

The Human Cannonball



Regia/Director: Silvano Agosti
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Silvano Agosti
Interpreti/Actors: Bruno Wolkowitch (uomo proiettile), Paola Agosti (Ewelyn), Severino Saltarelli (mago "Dio"), Carla Olivieri (Liù), Giulia Boschi (donna barbuta), Simona Volpi (diacono), Federico Zanola, Dario Ballantini
Fotografia/Photography: Silvano Agosti
Musica/Music: Ennio Morricone, Andrea Morricone
Scene/Scene Design: Luigia Da Re
Montaggio/Editing: Silvano Agosti
Suono/Sound: Alessandro Carpentieri
Produzione/Production: 11 Marzo Cinematografica
Distribuzione/Distribution: Istituto Luce S.p.A.
censura: 90315 del 07-09-1995
Altri titoli: The Human Cannonball
Trama: L'uomo proiettile è la storia di un uomo che si libera da una posizione di dipendenza nel lavoro per avere il tempo di scoprire il senso della vita e conquistare la propria libertà. Il film tenta di rappresentare un rapporto d'amore tra uomo e donna che escluda la gelosia. L'uomo proiettile è forse il prototipo di una nuova e diversa umanità, capace di considerare la libertà anche individuale come qualcosa di insostituibile, senza cui ogni altra emozione e conquista interiore non può essere che parziale. Tutti coloro che sono prigionieri sono "cattivi", indipendentemente dalla qualità della loro prigione. Che la gabbia sia dorata non risolve certo la prigionia. Quindi il primo dono d'amore a se stessi o agli altri è la conquista della libertà e autonomia, anche nella sfera dei sentimenti. Ma anche la bontà più che una virtù, deve esser vissuta come una condizione necessaria per il proprio benessere fisiologico. Infatti la bontà agisce sul corpo umano come un vaso-dilatatore, come stimolante del metabolismo, come mezzo per evitare le patologie cardiovascolari e soprattutto per vivere un'esistenza serena; nel film il circo rappresenta il mondo della creatività, al quale ogni essere umano ha diritto di accedere. Infatti se una personalità non si esprime, tende a sottomettersi, ammalarsi o perfino morire.
Sinopsys: The Human Cannonball is the story of a man who has liberated himself from his obligation to work in order to have the time in which to discover the real meaning of life and to obtain true freedom. One of the film's aims is to represent a relationship between a man and a woman which entirely excludes jealousy. The human cannonball is perhaps the prototype for a new and different strand of humanity, capable of considering personal freedom as an irreplaceable right without which every other emotion and interior conquest can only be partial. A11 those who are prisoners are wrong irrespective of the quality of their prison. The first gift of love to oneself or to others must therefore be the conquest of liberty and autonomy, even in emotional terms. But even goodness, more than being a virtue, must be experienced as a necessary condition for one's own physiological well-being. Goodness has an effect on the human body like that of a vasodilator; like a stimulant for the metabolism to avoid cardiovascular disease and above all to live a serene existence. In {he film, the circus represents the world of creativity, to which every human being has the right of access. If an individual fails to express himself, that individual is defeated.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information