1150 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Va' dove ti porta il cuore (1996)

Torna indietro

Va' dove ti porta il cuore (1996)

Follow Your Heart



Regia/Director: Cristina Comencini
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Roberta Mazzoni, Cristina Comencini
Interpreti/Actors: Virna Lisi (Olga), Margherita Buy (Olga da giovane), Galatea Ranzi (Ilaria), Valentina Chico (Marta), Anna Teresa Rossini (madre di Olga), Maria Grazia Bon, Luigi Diberti (padre di Olga), Massimo Ghini (Augusto), Tchéky Karyo (Ernesto), Francesca Bortolotti, Stefano Galante, Stefania Graziosi, Lavinia Guglielman (Marta da bambina), Valeria Sabel, Gianfranco Saletta, Sara Sanvincenti (Olga da bambina)
Fotografia/Photography: Roberto Forza
Musica/Music: Alessio Vlad, Claudio Capponi
Costumi/Costume Design: Antonella Berardi
Scene/Scene Design: Paola Comencini
Suono/Sound: Jean-Louis Ducarme
Montaggio/Editing: Nino Baragli
Produzione/Production: Videa, Projet Filmproduktion, München, GMT Productions, Paris
Distribuzione/Distribution: Filmauro
censura: 90675 del 08-02-1996
Altri titoli: Va où ton coeur te porte, Donde el corazón te lleve, Follow Your Heart
Trama: Tre generazioni di donne, una nonna, una figlia e una nipote,attraversano il secolo e si raccontano per voce della più anziana. Prossima alla morte, Olga, la nonna, decide di scrivere una lunghissima lettera, quasi un diario: un testamento spirituale che non sara letto dalla figlia, Ilaria, morta quindici anni prima ma dalla nipote Marta. In questa lettera-diario la nonna racconta della sua infanzia felice, che incontra le prime difficoltà nella volontà dei genitori di condannarla a una vita borghese, spenta. Ma arriva il grande amore. Però lui è sposato e non esiste a quei temppi divorzio. Olga rimane incinta, lui muore in un incidente d'auto e successivamente nasce llaria. Olga custodisce il segreto della sua paternità. Anche Ilaria diventa col crescere una giovane ribelle e torna da un viaggio in Turchia incinta di uno sconosciuto. Cosi nasce Marta. I rapporti tra Olga e la figlia Ilaria non sono dei migliori e un giorno, dopo un'ennesima lita, la madre svela a Ilaria la vera identità di suo padre. Ilaria ne rimane sconvolta e, con la piccola Marta, si schianta con la macchina contro un albero e trova la morte. Il diario è quindi un disperato tentativo di rompere una catena che lega per discendenza anche la nipote Marta all'infelicità. Con la verità delle parole e la forza dei sentimenti, esso libera Marta dall'oscuro peso del passato e adesso essa può andare dove la porta il cuore.
Sinopsys: The lives of three generations of women - a grandmother, her daughter and her granddaughter - are recounted over the course of an entire century as observed by the oldest of them. The grandmother, Olga, decides to write a long letter before she dies; almost in the form of a diary. The letter is a spiritual testament not to be read by her daughter Ilaria, who died fifteen years earlier but by her granddaughter Marta. In this diary-letter, the grandmother recalls her happy childhood, and the first taste of frustration she experienced as a result of her parents attempts to push her into a lifeless middle-class existence. But true love intervened. He already had a wife, however, and in those days divorce was not an option. Olga fell pregnant, but her married lover died before Ilaria was born, and the identity of the child's father remained a closely guarded secret. As she grew up, Ilaria also became a rebellious young woman. She returned from a trip to Turkey carrying the child of a stranger. And so Marta was born. The relationship between Olga and her daughter Ilaria was fraught with conflict. One day, after one of their many fights, Olga revealed the identity of Ilaria's father to her. Deeply upset, Ilaria drove off with Marta and crashed into a tree. She died as a result of the accident. The diary is Olga's attempt to break the chain that transmits unhappiness from one generation to the next, down to her granddaughter Marta. With the truth of her words and the power of her love, she frees Marta from the dark burdens of the past, allowing her to go where her heart takes her.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information