1927 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Albergo Roma (1996)

Torna indietro

Albergo Roma (1996)



Regia/Director: Ugo Chiti
Soggetto/Subject: Ugo Chiti, opera
Sceneggiatura/Screenplay: Ugo Chiti
Interpreti/Actors: Alessandro Benvenuti (Tonchio), Tchéky Karyo (federale Apolloni), Claudio Bisio (segretario partito fascista D. Giorgini), Barbara Enrichi (Adina, sua moglie), Debora Caprioglio (Ginecriste, femme de chambre), Roberto Posse (podestà A. Torrini), Alessandra Acciai (Ottavia, sua moglie), Lucia Poli (Viola, la couturière), Gianna Giachetti (Olimpia, sua amica e cliente), Maria Cristina Maccà (Beppina, l'assistente), Laura Trotter (Mirella Salimbeni), Lily Tirinnanzi (madre Mirella), Davide Bechini (M. Goffredo), Giorgio Panariello (maresciallo), Carlo Monni (don Urbano), Cecilia Dazzi (Milenina), Patrizia Corti (Domenica), Massimo Salvianti (Sestilio, suo marito), Florens Fanciulli (Margherita, sua figlia), Philharmonie, Novello Novelli (anziano suonatore di sassofono), Barbara Nativi, Andrea Muzzi (Lisca), Massimo Ceccherini (suonatore degli ottoni), Massimo Sarchielli (suonatore di clarino), Sergio Ciulli (suonatore di tromba), Sergio Pierattini, Martino Duane, Giorgio Picchianti, Alessandro Paci, Francesco Burroni, Franco Odoardi, Sergio Forconi, Ferruccio Pacciani, Pierluigi Bruni, Andrea Mugnai, Antonio Betti, Roberto Vergelli, Nicola Trambusti, Roberta Cartocci, Giuliana Colzi, Giorgio Conti, Andrea Costagli, Carmen De Venere, Gianni Di Benedetto, Giovanni Ferraro, Francesca Lombardo, Maria Nuti, Lucia Socci, Marta Tacconi, Alfiero Toppetti, Francesca Chini, Alessandra Gabetti, Pamela Papasidero, Sarah Rosi, Valentina Rossi, Deborah Vecchiarelli, Washita ("Tripoli", il cane)
Fotografia/Photography: Blasco Giurato
Musica/Music: Marco Baraldi
Costumi/Costume Design: Gabriella Pescucci
Scene/Scene Design: Eugenio Liverani
Montaggio/Editing: Carla Simoncelli
Suono/Sound: Candido Raini
Produzione/Production: Union P.N., Medusa Film
Distribuzione/Distribution: Medusa Film S.p.A.
censura: 91111 del 02-10-1996
Trama: Un uomo percorre una strada nottuma in compagnia di un cane e si reca a una "prova d'orchestra" della banda cittadina. Improvvisamente il cane si mette ad abbaiare e sparisce nel buio. Quando torna tiene in bocca qualcosa di indefinito, qualcosa che potrebbe somigliare ai resti di un feto... E questo l'avvio di una storia ritmata sui tempi di un giallo e sulle note de "La Gazza Ladra", che coinvolge tutti i livelli sociali di una piccola cittadina alla fine degli anni trenta, una comunità impegnata nei preparativi di un grande evento pubblico: I'arrivo di sua eccellenza Benito Mussolini, invitato ad inaugurare la nuova sede dell'OMNI, casa della Matemità e dell'Infanzia. Quella che segue è la cronaca della settimana più convulsa che si possa ricordare: il sospetto dell'infanticidio mette in grande agitazione tutta la comunità e si deve decidere una linea di condotta. Il Segretario del Fascio non ha dubbi e la sua decisione è la più ipocrita e ovvia: mettere tutto a tacere, imporre sei giorni di silenzio prima deila visita del Duce e poi iniziare le indagini per.... Un'improvvisa variazione è data dall'arrivo notturno di un misteriosissimo personaggio del Regime che si chiude in grande segretezza nell'Albergo Roma. Il suo arrivo può significare per tutti una sola cosa: le voci del sospetto infanticidio devono essere trapelate, e lui è li per indagare segretamente. Diventa necessario cambiare la linea di condotta: bisogna trovare il colpevole. Quando però tutta la comunità è ormai certa di aver individuato il "mostro", una nuova sconvolgente verità cambia le carte in tavola concludendo il giuoco comico e tragico con una ridicola beffa che rende il paradosso completo.
Sinopsys: A man walks along a country road at night accompanied by his dog. He is heading for a rehearsal of the local band. Suddenly, the dog starts to bark, and disappears into the darkness, coming back with something indistinct in its mouth. Something that looks vaguely like the remains of a fetus. The scene marks the beginning of a story played out like a mystery to the tune of Rossini's "La Gazza Ladra" and involving all the various social strata of a small town in the late 1930s. The citizens are busy preparing for a great event: the arrival in town of his excellency Benito Mussolini, who has been invited to open the new branch of the infancy and maternity facility OMNI. Whet follows is a chronicle, of a week of the most feverish activity any of the townsfolk can remember. The suspicion of infanticide spreads agitation throughout the community, necessitating the establishment of a uniform line of conduct. The local Fascist party secretary does not hesitate in opting for the most obvious and hypocritical solution. He imposes six days of silence on the town's inhabitants prior to the Duce's visit, stating that the investigation will begin immediately after. A sudden variation in plans comes with the arrival during the night of a mysterious regime official, who hides himself away in great secrecy in the Albergo Roma. H's arrival can only mean one thing: word of the suspected infanticide has gotten out and he has turned up to investigate. A change in the line of conduct is needed. The guilty party must be found. But when the entire community is utterly convinced of having identified the "monster", a new, disquieting truth surfaces turning the tragicomic situation on its head in the most paradoxical way.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information