893 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Al centro dell'area di rigore (1996)

Torna indietro

Al centro dell'area di rigore (1996)

In the Penalty Area



Regia/Director: Bruno Garbuglia, Roberto Ivan Orano
Soggetto/Subject: Bruno Garbuglia, Roberto Ivan Orano
Sceneggiatura/Screenplay: Bruno Garbuglia, Roberto Ivan Orano
Interpreti/Actors: Marzia Aquilani (Tina), Christian Capone (Biagio), Guillaume Fontannaz (Renato), Donat Guilbert (Roberto), Daniele Pio (Mozzicone), Giorgio Tirabassi (Carletto), Mallaury Nataf (Ninì), Maria Grazia Nazzari (Lilì), Gérard Rinaldi (sor Oreste), Julie Turin (Rosa), Tatiana Winteler (sora Pina), Stefano Altieri (nonno Spartaco), Salvatore Borgese [Sal Borgese] (Buttero, (Tulipano)), Ermanno De Biagi (Cesaretto), Michele De Virgilio (Pirata), Andrea Tidona (prof. Magli), Giulio Farnese (Smilzo), Antonio Marsina (commissario Durante), Quinto Parmeggiani (prof. De Stefanis), Carlo Monni (Poccino), Pietro Bontempo (dr. Angelucci), Marek Brzezinski (miliziano), Leila Durante (vecchia signora), Giovanni Fois [Vanni Fois] (miliziano), Evelina Gori (governante), Eleonora Pariante (Maria), Alexandra Tiedeman (Eleonora)
Fotografia/Photography: Roberto Meddi
Musica/Music: Francesco Marini, Giovanna Salviucci Marini
Costumi/Costume Design: Carolina Ferrara
Scene/Scene Design: Antonia Rubeo
Suono/Sound: François Musy, Hans Künzi
Montaggio/Editing: Carlo Fontana
Produzione/Production: D.D.S. Cinematografica, Mediaset, Sunday Films, Paris, Delfilm, Geneve, Canal Plus, Paris, S.S.R., Berne, R.T.S.I. - Radio Televisione Svizzera Italiana, Lugano
Distribuzione/Distribution: Istituto Luce S.p.A.
censura: 90699 del 29-02-1996
Altri titoli: In the Penalty Area
Trama: Il film è ambientato a Roma nel 1942, in piena guerra. Ma per un qnuppo di raganzi la guerra sembra lontanissima. Loro pensano solo alla Roma, che sta per vincere lo scudetto. Renato, Mozzicone, Tina e Carletto stanno organizzando la trasferta a Torino per la partita che deciderà il Campionato. Amici del qruppo di tifosi romanisti sono Biagio, prossimo al servizio militare e Roberto studente universitario e anche uno dei primi militanti di quel fronte antifascista che si sta riorganizando. Roberto sta organizzando il trasferimento del "Documento di Tolosa", primo accordo di tutte le forze democratiche contro il regime fascista, da Torino a Roma. Per non dare nell'occhio, si unirà al gnuppetto di amici che, da buoni ultrà, seguiranno la Roma nella trasferta. Dopo un viaggio avventuroso sul camioncino di Carletto, giungono a Torino. Roberto cerca si sganciarsi dagli altri per raggiungere il suo "contatto", il prof. De Stefanis, ma Biagio e Renato, ignari del voro motivo del viaggio di Roberto, insistono ner accompaqnarlo e lo attendono sotto la casa del professore. Mentre Roberto riceve il famoso "documento" la Polizia ssgrreta fascista fa irruzione nell'appartamento. Roberto riesce a fuggire attraverso i tetti. Renato e Biagio, che di nulla si sono accorti, salgono a sollecitare il loro amico. I due vengono femmati e portati al Commissariato. Interrogati dai poliziotti dell'Ovra i ragazzi decidono di non rispondere alle loro domande, perché sentono che non devono tradire Roberto, anche a costo di dover rinunciare alla partita. E proprio con il sottofondo della partita trasmessa alla radio, tenuta al massimo volume per coprire la violenza dell'interrogatorio, i due ragazzi verranno picchiati. L'unico grido che uscirà dalla bocca di Renato sarà "Forza Roma", nel momento in cui Amadei segna la rete della vittoria.
Sinopsys: The film is set in 1942 in wartime Rome. But for a small group of kids, the war is a distant concerne. instead, they think only of he Roma soccer team, which is about to win the shield. Renato, Mozzicone, Tina and Carletto prepare to take a trip to Turin for the decisive match of the championship. Their friends include Biagio who is about to be called up for military service, and Roberto a university student and one of the founding members of the militant anti-Fascist front rapidly gaining in strength. Roberto is organizing for the transfer from Turin to Rome of the "Tolosa Document", the first-ever agreement signed between all of the country's democratic forces against the Fascist regime. In order not to attract attention, he joins up with his bunch of friend, traveling to and from Rome as just another soccer fan. After an eventful trip in Carletto's van, they arrive in Turin. Roberto attempts to slip away to met his contact, Professor De Stefanis, but unaware of the real motive of his journey, Renato and Biagio insist on accompanying him. They wait for him downstairs, outside the professor's home. As the famous document is handed over to Roberto, the Fascist secret police burst into the apartment. He manages to escape across the roofs. Renato and Biagio, who still have no idea of what is going on, go upstairs to see what is keeping their friend. They are detained by the police and taken to the station for interrogation. Not wishing to betray Roberto, the two youths choose not to respond to the police officials' question, even if it means missing the match. It is precisely the noise of the match, broadcast over the radio at full volume that is used to cover the violence of the interrogation, during which the two boys are brutally beaten. But the only sound heard from Renato is the cry "Forza Roma!" just as Amadei scores the victory goal. Copyright A.N.I.C.A. © 1997 - Tutti i diritti riservati - All rights reserved

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information