1061 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Alla fine della notte (2003)

Torna indietro

Alla fine della notte (2003)

End of the Night



Regia/Director: Salvatore Piscicelli
Soggetto/Subject: Salvatore Piscicelli
Sceneggiatura/Screenplay: Salvatore Piscicelli
Interpreti/Actors: Ennio Fantastichini, Elena Sofia Ricci, Ricky Tognazzi, Ida Di Benedetto, Stefania Orsola Garello, Toni Bertorelli, Roberto Herlitzka, Antonino Iuorio, Anna Ammirati, Cristina Donadio, Francesca Beggio, Stefania Rivi, Elisabetta Rocchetti, Almerica Schiavo, Gennaro Di Fiore, Tina Femiano, Giovanni Rienzo, Mario Santella, Simone Ascani, Guido Berti, Rocco Castel, Licia Nunez
Fotografia/Photography: Saverio Guarna
Musica/Music: Eugenio Colombo
Costumi/Costume Design: Nicoletta Taranta
Scene/Scene Design: Rossella Guarna
Montaggio/Editing: Salvatore Piscicelli
Suono/Sound: Fulgenzio Ceccon, Decio Trani
Produzione/Production: Centrale D'Essai S.r.l.
Distribuzione/Distribution: Columbia TriStar Films Italia
Vendite all'estero/Sales abroad: Gruppo Minerva International
censura: 97075 del 21-05-2003
Altri titoli: End of the Night
Trama: Bruno Spada, 49 anni, regista e attore di successo, è un uomo in crisi. Il film racconta la storia di un doppio viaggio: quello reale, che lo conduce da Milano alla Toscana, e poi a Roma e a Napoli, in un serrato confronto con le donne, e gli uomini, che hanno segnato la sua vita; ma anche quello interiore, a ritroso nel tempo, in un passato attraversato da torbidi fantasmi. Bruno si interroga sul suo smarrimento, in una ricerca che forse lo porterà a ritrovare se stesso e le proprie radici. Una ricerca del suo daimon, vale a dire il suo destino, come gli suggerisce nel prologo del film il suo analista hillmaniano, una ricerca del passato, ma anche del presente e del futuro, attraverso una ricostruzione di un percorso esistenziale nei termini di un romanzo.
Sinopsys: Bruno Spada, a successful 49 year-old director and actor, is a man in crisis. The film narrates the story of a double journey: a real journey that takes him from Milan to Tuscany, and then to Rome and Naples, for a series of intense encounters with the women and men who have shaped his life; plus an inner journey, back through time, to a past haunted by unsettling ghosts. Bruno attempts to fund where he has lost his way, in a search that may allow him to rediscover himself and his roots: a search for his Daimon, meaning his destiny, as is suggested to him by his analyst of the Hillman school in the introductory scene to the film. The search focuses on the past, but it also involves the present and the future, through the tracing of an existential path depicted in the terms of a novel.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information