1356 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Il natale rubato (2004)

Torna indietro

Il natale rubato (2004)

The stolen Christmas



Regia/Director: Pino Tordiglione
Soggetto/Subject: Pino Tordiglione
Sceneggiatura/Screenplay: Pino Tordiglione
Interpreti/Actors: Mario Porfito, Patrizio Rispo, Filomena Di Talia, Enrico Tordiglione, Vittorio Ciorcalo, Nicola Pignataro, Giuseppe Ferrigno, Ciriaco Vozella, Nino Surano, Antonietta Raiola
Fotografia/Photography: Michele Zampierin
Musica/Music: Lucio Lazzaruolo, Raffaele Villanova, Giovanni Lodigiani
Montaggio/Editing: Gabriella Cristiani
Produzione/Production: PT Comunicazioni S.r.l. Produzioni e Promozioni Cinetelevise
Distribuzione/Distribution: Fantarca's Movie S.r.l.
Vendite all'estero/Sales abroad: PT Comunicazioni S.r.l. Produzioni e Promozioni Cinetelevise
censura: 97719 del 08-01-2004
Altri titoli: The stolen Christmas
Trama: Un thriller del sentimento nel quale concorrono varie componenti a tenere alta l'attenzione e la tensione fino alla fine. Un viaggio nella tradizione natalizia di un piccolo paesino del Sud fa da sfondo ad una storia di sofferenza e di emarginazione sociale, ma anche di speranza e di buoni sentimenti. Il film prende spunto da un avvenimento realmente accaduto, il furto di un prezioso presepe del '700 dalla chiesa di Fontanarosa, per poi estendere e articolare la narrazione grazie a una trama nella quale non mancano i colpi di scena. Fortunato, il protagonista, per poter curare la figlia gravemente ammalata, si rende autore del furto sacrilego. La piccola Filomena guarisce, complice anche una presenza che potremmo definire sovrannaturale quella di Noè, un animato pastorello scartato dalla refurtiva . La vita di Fortunato è però rovinata dal rimorso al punto da costituirsi e confessare. Ma qui scatta il colpo di scena. Importante e ben strutturata la presenza nel film del maestro Giuseppe Ferrigno che interpreta se stesso e che regala un memorabile spaccato dell'arte presepiale napoletana.
Sinopsys: A sentimental thrill ride with a mix that keeps up the suspense right till the end. A voyage into the traditional Christmas of a tiny community in southern Italy serves as the background for a story of suffering and social rejection, but also of hope and good will. The film is inspired by a real event of recent decades - the theft of an elaborate and magnificent 18th century manger scene from the village church of Fontanarosa. The facts blend with fiction in a sensational plot. Fortunato is an ordinary farm laborer forced into an extraordinary act. To save his daughter Filomena he commits the ultimate sacrilege - he steals the nativity scene. In a supernatural appearance, a broken but lively shepherd left over from the theft, named Noè, gives a helping hand to Filomena's recovery. But Fortunato is ruined by remorse and he eventually reaches the point of turning himself in and confessing. Then comes the surprise.... Master craftsman Guiseppe Ferrigno assumes a key role when he comes to join the life of the village. The result for us is a true insider's view of the work of the famous nativity scene art of Naples.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information