1035 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Radiofreccia (1998)

Torna indietro

Radiofreccia (1998)

Arrow radio



Regia/Director: Luciano Ligabue
Soggetto/Subject: Luciano Ligabue, Antonio Leotti, opera
Sceneggiatura/Screenplay: Luciano Ligabue, Antonio Leotti
Interpreti/Actors: Stefano Accorsi (Freccia), Luciano Federico (Bruno), Alessio Modica (Iena), Enrico Salimbeni (Tito), Roberto Zibetti (Boris), Patrizia Piccinini (Marzia), Paolo Maria Scalandro, Serena Grandi (madre di Freccia), Cristina Moglia (Cristina), Francesco Guccini (Adolfo), Stefano Bicocchi [Vito] (cameriere matrimonio), Cosima Coccheri (ragazza drogata), Paolo Maria (Carlo), Manuel Maggioli (Scalondro Bonanza), Davide Tavernelli (Kingo), Paolo Cremonini (Omero), Ottorino Ferrari (Pluto), Fulvio Farneti (Virus), Antonella Tambakiotis (Nadia), Gianni Fantini (capo reparto), Teresa Guccini (figlia di Adolfo), Cecilia Fiorani (ragazza in auto), Bruno Arcilesi (Collo), Alessandro Di Giusto (provini radio), Valentino Farris (provini radio), Gabriele Frisoni (provini radio), Marco Morini (provini radio), Francesco Tonti (provini radio), Massimo Tonti (provini radio), Manuel Zanni (provini radio), Michele Lazzeri (contatore), Alisia Borsari (amica di Cristina)
Fotografia/Photography: Arnaldo Catinari
Musica/Music: Luciano Ligabue
Costumi/Costume Design: Stefano Gianbanco
Scene/Scene Design: Stefano Gianbanco
Suono/Sound: Gaetano Carito
Montaggio/Editing: Angelo Nicolini
Produzione/Production: Fandango
Distribuzione/Distribution: Medusa Film S.p.A.
Vendite all'estero/Sales abroad: Intrafilms
censura: 92937 del 07-10-1998
Altri titoli: RadioFreccia, Arrow radio
Trama: V entiquattro aprile 1993: è l'ultima trasmissione di RadioFreccia, Bruno, ai microfoni racconta la storia di questa radio che è anche la storia di un gruppo di amici. In origine la radio si chiamava Radio Raptus e ha cominciato a chiamarsi Radio Freccia dal giorno in cui trovarono in un fosso, immerso per metà e a testa in giù, Ivan Benassi detto "Freccia". Jena, Boris e Tito sono gli amici con cui Freccia e Bruno passano la maggior parte del loro tempo. Il bar Laika è la loro vera casa ed è lì che Adolfo il barista parla loro per la prima volta delle radio libere. Tra lunghe giornate trascorse al bar, amori, scherzi da paese e avvenimenti drammatici, ognuno di loro cerca una strada per diventare grande o un buon modo per non diventarlo mai.
Sinopsys: April 24, 1993: the last program of Radio Arrow is on the air. Over the microphone, Bruno tells the story of the radio station which is also the story of a group of friends. In the beginning the radio was called Radio Raptus but its name was changed into Radio Arrow after the body of Ivan Benassi, known as the arrow, was found half-immersed, head down, in a ditch. Jena, Boris and Tito are the friends with whom Arrow and Bruno spend most of their time. They consider the bar Laika as their own home and it's there that Adolfo, the barman, talks to them about privately-owned radio stations for the first time. All of them, individually, try to find their way to grow up or to remain forever young, through long days spent in the bar, love stories, small-town practical jokes and dramatic events.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information