944 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Non aver paura (2005)

Torna indietro

Non aver paura (2005)

Have no Fear



Regia/Director: Angelo Longoni
Soggetto/Subject: Angelo Longoni, Massimo Sgorbani
Sceneggiatura/Screenplay: Angelo Longoni, Massimo Sgorbani
Interpreti/Actors: Laura Morante, Alessio Boni, Eleonora Ivone, Valeria Milillo, Cesare Bocci, Marco Ragno, Andrea Ragno, Simone Colombari, Alberto Bognanni, Margherita Longoni, Angelo Longoni, Riccardo Volpato, Guia Zapponi, Alberto Tordi, Martina Colombari
Fotografia/Photography: Patrizio Patrizi
Musica/Music: Paolo Vivaldi
Costumi/Costume Design: Agata Cannizzaro
Scene/Scene Design: Leonardo Conte, Alessandra Panconi
Suono/Sound: Andrea Moser
Produzione/Production: Italian International Film
Distribuzione/Distribution: Italian International Film
Vendite all'estero/Sales abroad: Gruppo Minerva International
censura: 98930 del 04-05-2005
Altri titoli: Have no Fear
Trama: "Non aver paura" è la storia di un conflitto.In qualsiasi conflitto chi ne fa le spese maggiori, chi subisce e chi soffre maggiormente sono sempre i più deboli e i più indifesi. In questo caso, tra una madre e un padre che si odiano, chi soffre davvero e chi paga a causa di quell'odio è il loro unico figlio, un bambino di nove anni.Quando gli interessi personali predominano e quando l'odio rende ciechi, ci si scopre incapaci di qualsiasi mediazione e incapaci di sostenere le proprie responsabilità ma quel che è peggio non ci si accorge per niente di questa incapacità. Il conflitto descritto nel film è facilmente estendibile dal microcosmo famigliare nel quale è ambientato a tutte le strutture della società. In qualunque forma e a qualsiasi livello il conflitto genera sempre l'infelicità degli innocenti.
Sinopsys: "Don't Be Afraid " is the story of a conflict. In any conflict those who pay the highest price and who suffer the most are always the most vulnerable and defenceless. In this case, as an only child caught between a mother and a father who seem to hate each other, a boy of only nine years old is the one who truly pays the consequences of that hatred. When personal interests predominate and animosity makes them blind people are often incapable of any kind of mediation and are unable to carry out their responsibilities towards others, but the worst thing is when they do not notice these inabilities at all. The conflict described in this film can easily be extended from the family microcosm in which it takes place to all the structures of society itself. In any form or shape and at whichever level it takes place conflict always causes misery for the innocent.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information