1492 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Certi bambini (2004)

Torna indietro

Certi bambini (2004)

Stolen childhood



Regia/Director: Andrea Frazzi, Antonio Frazzi
Soggetto/Subject: Marcello Fois, Ferdinando Vicentini Orgnani, Diego De Silva, Andrea Frazzi, Antonio Frazzi
Sceneggiatura/Screenplay: Marcello Fois, Diego De Silva, Ferdinando Vicentini Orgnani, Andrea Frazzi, Antonio Frazzi
Interpreti/Actors: Arturo Paglia (Santino), Rolando Ravello (Sciancalepore), Carmine Recano (Damiano), Emanuela Garuccio (Gemma), Imma Villa (Maria), Monica Comegna (Ramra), Miriam Candurro (Caterina), Marcello Romolo (Don Alfonso), Maria Laura Rondanini (Lucia), Sergio Solli (Casaluce), Peppino Mazzotta, Anna Fumo (Nonna Lilina), Patrizio Rispo, Gianluca Di Gennaro (Rosario), Mario Giordano (Brasile), Terence Guida (Aniello), Alessandro Guasco (Venturino), Gennaro Mirto (Matteo), Gabriele Parrella (Giornaletto)
Fotografia/Photography: Paolo Camera
Costumi/Costume Design: Mariolina Bono
Scene/Scene Design: Mario Di Pace
Montaggio/Editing: Claudio Cutry
Produzione/Production: Pequod S.r.l
Distribuzione/Distribution: Mikado Film
Vendite all'estero/Sales abroad: Adriana Chiesa Enterprises
censura: 97976 del 13-05-2004
Altri titoli: Stolen childhood
Trama: Rosario vive in una casa popolare con una nonna, Lilina, che accudisce amorevolmente. Nonna Lilina, tra una compressa di Roipnol e una dose di Micoren, passa le giornate davanti alla televisione. Parla una lingua bofonchiata e curiosa, s'inventa termini di cui solo lei, forse, conosce il significato. Ma Rosario la capisce. La conosce. Le prepara da mangiare. Ci scherza. Ne ha cura. È parte integrante delle sue abitudini. Come ogni bambino, ha una tenerezza congenita che gli acuisce la sensibilità oltre la comprensione logica. Sa di cosa nonna Lilina ha bisogno in quel momento, ed è vicino a lei proprio allora. La vita di Rosario si svolge tra le anguste mura di casa e il Burger King, la birreria che frequenta quotidianamente, di rimpetto alla sala giochi Las Vegas, e dove incontra i suoi compagni, i bambini che fanno branco intorno a lui, che fin dalle prime battute si mostra il più carismatico del gruppo.
Sinopsys: Eleven-year-old Rosario lives in a cheerless apartment in the suburbs with his sick grandmother who spends most of the day in bed. He and a couple of friends spend time slacking off between a dive pub and the Las Vegas gambling joint. They smoke, drink and steal, imitating the worst of the adult world they see around them. The laughter that once graced their faces as children has been replaced by a queer, ambiguous smile bearing witness to myriad painful experiences. The makers of A Children's Story (based upon the novel by Diego De Silva) have placed incidents from the boys' lives in extensive flashbacks, mental flights Rosario embarks upon during long subway rides. With every new abrupt closing of the train doors, the boy drags us into his recent past and presents the three most influential people in his life: the admired Santino, the feared Damiano and the alluring Caterina. This fascinating film bears cruel witness to how easy it is for a troubled child to get mixed up in Naples camorra.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information