41 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Sono viva, credo... memorie di Monte Sole 1944-2004 (2005)

Torna indietro

Sono viva, credo... memorie di Monte Sole 1944-2004 (2005)



Regia/Director: Giovanni Bonicelli
Soggetto/Subject: Giovanni Bonicelli
Sceneggiatura/Screenplay: Giovanni Bonicelli, Emanuele Montagna, Giancarlo Brancale, Corrina Bonicelli
Interpreti/Actors: Emanuele Montagna, Giancarlo Brancale, Daniela Poggi, Gaia Ferrara, Roberto Marinelli, Michele Cosentini, Alessandra Cortesi, Renzo Morselli, Daniela Poggi
Fotografia/Photography: Roberto Mezzabotta, Elio Bisignani
Musica/Music: Fabio Bianchini
Costumi/Costume Design: Barbara Righi
Scene/Scene Design: Riccardo Sivelli
Suono/Sound: Roberto Serra
Produzione/Production: Clarence Soc. Coop. a r.l.
censura: 98927 del 03-05-2005
Trama: Nel 1944 fu commesso il più grande massacro sul fronte Occidentale, a Monte Sole (Marzabotto). Il film presenta le diverse Memorie di quella carneficina nella quale persero la vita un migliaio di bambini, donne e vecchi. I sopravvissuti, ancora oggi imprigionati nei loro incubi e sofferenze, raccontano quei fatti con vivida memoria ad un regista e uno scrittore intenti a mettere in scena uno spettacolo ispirato a quella tragedia. Le voci dei superstiti montate accanto ad altre voci dissonanti, quali: le SS presunte responsabili, degli studenti universitari, degli attori che devono interpretare l'opera teatrale, compongono un mosaico di quella 'Memoria'. Il film è perciò anche un esperimento nel relazionare -Immagini-Memoria-Teatro.
Sinopsys: In 1944 the largest massacre in Western Europe during the 2nd WW took place at Monte Sole (Marzabotto). The film explores today the various Memories of that merciless bloodshed where almost a thousand children, women and old people were slaughtered. The survivors, today still trapped by nightmares and wounded emotions, recount their vivid memories while a playwright and a director of a theatre group are preparing to put on stage a play inspired by that historical event. With, in the background, 40 hours of oral history recorded for the first time, we bring in all points of view to explore the depth of an unspeakable tragedy. The structure of the drama mixes the narration of the survivors with various dissonant views - the SS soldiers responsible for the massacre, university students, the actors of the theatre group - in a live creative process. The film is an experiment to relate Images-Memory-Theatre.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information