1362 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Tutti gli anni, una volta l'anno (1994)

Torna indietro

Tutti gli anni, una volta l'anno (1994)

Once a Year, Every Year



Regia/Director: Gianfrancesco Lazotti
Soggetto/Subject: Paola Scola
Sceneggiatura/Screenplay: Gianfrancesco Lazotti, Cecilia Calvi
Interpreti/Actors: Giorgio Albertazzi, Paolo Bonacelli (Romano), Lando Buzzanca (Lorenzo), Carla Cassola (Anna Maria), Paolo Ferrari (Francesco), Paola Pitagora (Ginevra), Giovanna Ralli (Laura), Jean Rochefort (Raffaele), Alexandra La Capria (Giulia), Gianmarco Tognazzi (David), Vittorio Gassman (Giuseppe), Gianni Bonos, Massimiliano Pazzaglia, Mario De Candia, Leonardo Cassio, Mariangela Giordano
Fotografia/Photography: Sebastiano Celeste
Musica/Music: Giovanni Venosta
Costumi/Costume Design: Gianna Gissi
Scene/Scene Design: Fabio Vitale
Suono/Sound: Luciano Muratori
Montaggio/Editing: Carlo Fontana
Produzione/Production: D.D.S. Cinematografica, Films Auramax, Paris, Alain Keytsman Production, Bruxelles
Distribuzione/Distribution: Academy Pictures
censura: 89737 del 11-10-1994
Altri titoli: Même heure l'année prochaine, Once a Year, Every Year
Trama: Un gruppo di vecchi amici hanno deciso di riunirsi una sera ogni anno in un hpico ristorante della vecchia Roma. Sono Lorenzo, un prefetto in pensione, Mario, un fisico nucleare sempre distratto, Francesco e Laura, "La migliore coppia del mondo", Ginevra, una zitella eterea, Anna Maria, una donna indaffarata, Romano, un ricco notaio timido e depresso, Raffaele, l'unico ebreo al mondo incapace negli affari, e Giuseppe, che è stranamente in ritardo. La riunione si ripete da molti anni, ma questa volta non c'è Filippo passato a miglior vita, il quale però prima di morire, ha inviato agli amici una lettera con una strana proposta: egli ha comprato un vecchio convento che aveva cominciato a restaurare e dove pensa che i suoi amici possano trasferirsi. La proposta appare inattuabile, ma comunque viene messa ai voti: respinta con sei voti su otto. Però ha acceso tra i presenti una discussione, che presto degenera in un conflitto di caratteri e di idee. Ma poi il colpo di scena: la lettera non è di Filippo, ma del notaio timido che essendo stato incaricato da Filippo di vendere il convento, lo aveva comprato per sé, per viverci con gli amici. Intanto arriva l'amico ritardatario Giuseppe, che è agli arresti domiciliari per una questone di cornuzione e che ritiene che la proposta della coabitazione non è poi tanto assurda, dato che in fin dei conti deve rimanere in casa. E cosi, all'una di notte, riprende la discussione...
Sinopsys: A group of old friends meets one evening each year in a long-established restaurant in on old quarter of Rome. The group is made up of Lorenzo, a retired prefect, Mario, an absent-minded nuclear physicist, Francesco and Laura, the so-called "greatest couple in the world", Ginevra, an ethereal-looking unmarried woman, eternally busy Anna Maria, Romano, a wealthy but somewhat shy, depressed notary, Raffaele, a Jewish businessman totally without business acumen, and Giuseppe, who is strangely late. The annual reunion has been taking place for many years, but this time without the presence of Filippo, who has passed away. Before his death he sent a letter to his friends with details of an unusual proposition. Filippo has bought and begun restoring a disused convent, which he hoped his friends would go to live in. The idea seems impracticable, but is put to a vote all the same. Despite being defeated by eight votes to six, the proposal sparks a heated discussion around the table, which soon degenerates into a clash of personalities and opposing ideas. But in a surprise turn of events, the letter is revealed to be not from Filippo, but from Romano, who was engaged by Filippo to sell the convent. The shy notary bought it for himself, with the intention of living there with his friends. Meanwhile, the latecomer, Giuseppe, arrives. Under house arrest for a question of corruption, Giuseppe finds the idea of cohabitation not quite so absurd given that he is unable to leave his home freely anyway. At one in the morning, the discussion begins again...

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information