1265 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Padre e figlio (1994)

Torna indietro

Padre e figlio (1994)



Regia/Director: Pasquale Pozzessere
Soggetto/Subject: Pasquale Pozzessere
Sceneggiatura/Screenplay: Pasquale Pozzessere, Roberto Tiraboschi
Interpreti/Actors: Michele Placido (Corrado), Stefano Dionisi (Gabriele), Enrica Origo (Angela), Carlotta Jazzetti (Anna), Giusy Consoli (Valeria), Claudia Gerini (Chiara), Luciano Federico (Aldo), Mauro Pirovano (meccanico), Francesco Origo (avvocato), Antonio Campa (camionista), Bruno Pescia (responsabile personale), Giorgio Vecchio (I° poliziotto), Michele Castellano (II° poliziotto), Luciana Sandri (proprietaria tintoria), Aldo Mantero (inserviente piscina)
Fotografia/Photography: Bruno Cascio
Costumi/Costume Design: Maria Campanale
Scene/Scene Design: Gianni Quaranta
Suono/Sound: Mario Iaquone
Montaggio/Editing: Carlo Valerio
Produzione/Production: ERRE Cinematografica, Reteitalia, Flach Film, Paris, K2 TWO, Bruxelles
Distribuzione/Distribution: D.A.R.C. Distribuzione Angelo Rizzoli Cinematografica
censura: 89435 del 14-04-1994
Trama: Il film è ambientato a Genova sede dell'Ansaldo e dell'ltalsider, città industriale per eccellenza, dove si accentua il vuoto provocato dal fallimento di ideologie e dall'affievolirsi della tensione morale. Corrado, cinquantenne meridionale giunto a Genova sul finire degli anni '60, è un ex-operaio cassaintegrato che oggi, accantonato il suo travagliato passato politico, lavora come guardiano notturno in un deposito al porto. Suo figlio Gabriele, poco più che ventenne, di ritorno dal servizio militare, si ritrova senza prospettiva alcuna. Non ha studiato, non accetta punti di riferimento sociale. Nella sua vita inerte può infiltrarsi la violenza con tutte le sue facili mitizzazioni.Tra padre e figlio non c'è storia, non c'è memoria né solidarietà. Eppure Corrado non vuole perdere l'ultima speranza di ristabilire un contatto vero con il figlio Gabriele. Sullo sfondo la crisi ideale e materiale di una classe operaia sempre più minata dalla cassa integrazione e dai processi di riconversione industriale.
Sinopsys: This film is set in Genoa, at the Ansaldo and Italsider steel plants, an industrial city par excellence. The surroundings accentuating the emptiness caused by the failure of ideology and weakening of moral tension. Corrado, a fifty-year-old southerner who came to Genoa at the end of the '60s, is an ex-workman who's on unemployment and who today, put aside due to his troubled political past, works as a night watchman in a warehouse at the port. His son Gabriele, just over twenty, who recently completed his obligatory military service, comes home to rind himself without a future. He hasn't studied, he accepts no social reference points. His inactive life leaves plenty of space for violence and its easy imitations to seep in. There's no story between father and son, no memories or solidarity. But Corrado doesn't want to lose the last ray of hope in trying to re-establish contact with his son Gabriele. Their struggle takes place against a backdrop of the ideological and material crisis of the working class, continually undermined by unemployment and by the process of industrial restructuring.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information