2675 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

18.000 giorni fa (1993)

Torna indietro

18.000 giorni fa (1993)

18.000 Years Ago



Regia/Director: Gabriella Gabrielli
Soggetto/Subject: Gabriella Gabrielli, Roberto Leoni, opera
Sceneggiatura/Screenplay: Gabriella Gabrielli, Roberto Leoni
Interpreti/Actors: Maurizio Donadoni, Silvia Cohen, Massimo Foschi, Alfredo Pea, Gianfranco Barra, William Berger, Franco Interlenghi, David Brandon, Ubaldo Lo Presti, Franco Diogene, Pier Paolo Capponi, Stefano Sabelli, Giovanni Visentin, Natalia Leoni, Cesare Bocci, Teresa Canale, Alberto Capone, Emanuele Carocci, Massimo De Lorenzo, Mario Sandro De Luca, Ugo Fangareggi, Domenico Fortunato, Salvatore Mortelliti, Massimo Reale, Diego Ribon, Adriana Russo, Roberto Corbiletto, Riccardo Perrotti, Roberto Zorzut
Fotografia/Photography: Erico Menczer
Musica/Music: Gianfranco Plenizio
Costumi/Costume Design: Marisa Crimi
Scene/Scene Design: Nino Formica
Montaggio/Editing: Gianfranco Amicucci
Suono/Sound: Giampaolo Pippa
Produzione/Production: Maximago, Istituto Luce-Italnoleggio Cinematografico, RAI-Radiotelevisione Italiana (Rete 1)
Distribuzione/Distribution: Istituto Luce S.p.A.
censura: 88875 del 14-09-1993
Altri titoli: 18.000 Years Ago
Trama: Moshe, un ebreo polacco evaso dal campo di concentramento di Treblinka, dove sua moglie e sua figlia sono state uccise dai Nazi, raggiunge la frontiera del Brennero. Ma qui viene arrestato dalla polizia italiana ed inviato al campo di concentramento di Ferramenti di Tarsia. Invece degli orrori ai quali è stato abituato, Moshe scopre una comunità di prigionieri, ebrei e antifascisti, che, malgrado la guerra e grazie all'umanità ed alla tolleranza dei direttori italiani non soltanto cerca di sopravvivere, ma nutre addirittura la speranza della salvezza. Nel caos di una Europa in fiamme, questo miracolo di coraggio e di solidarietà obbliga Moshe, con l'aiuto della piccola Blume e con la tenacia e la forza di volontà di Miriam, ad uscire dalla sua disperazione ed a tuffarsi nella vita movimentata del campo, affrontando i pericoli del terribile momento storico. La storia di Moshe diventa cosi il documento e la memoria storica di una realtà che ancora oggi può testimoniare, in una Europa nuovamente invasa da sinistri presagi, il valore costruttivo della tolleranza e del coraggio contro l'attività devastatrice della discriminazione e dell'odio.
Sinopsys: Moshe is a Polish Jew who has escaped from the Treblinka Concentration Camp where his wife and daughter have been killed by the Nazis. He makes it to the border at Brenner, where he is captured by the Italian police and sent to the Ferramonti Concentration Camp at Tarsia in Calabria. Instead of the horrors to the which he had become accustomed, at Ferramonti, Moshe encounters a community of prisoners, both Jews and anti-Fascists, who try not merely to survive, but also to preserve the hope of redemption and salvation in spite of the war. This is primarily due to the spirit of humanitarianism and tolerance demonstrated by the Italians in charge of the Camp. In the midst of the turmoil of wartime Europe, this miracle of courage and solidarity forces Moshe to overcome his desperation. With the help of the young Blume and the tough, strong-willed Miriam, he devotes himself to he Camp's concerns and confront the dangers of that terrible historical moment bombing by the Allies and Mussolini's fall. Moshe's story becomes an historical memoir of a true event. And, even, today, in a Europe once again plagued by sinister omens, it is a testimonial of the constructive value of tolerance and courage as opposed to the disintegrating effect of discrimination and hatred.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information