1087 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Venere paura (1991)

Torna indietro

Venere paura (1991)

Venus of Fear



Regia/Director: Hirtia Solaro
Soggetto/Subject: Hirtia Solaro, opera
Sceneggiatura/Screenplay: Hirtia Solaro
Interpreti/Actors: Luciano Bartoli (prete), Alessandra Acciai (Glacida), Mattia Violanti (il piccolo sordomuto), Pascal Persiano (Bel Cugino), Francesco Gabriele (barbone), Numa Solaro (pretino), Mauro Bronchi (travestito), Sandro Dori (ometto), Giorgio Conti (sacrestano), Fernando Di Virgilio (contadino armato), Giancarlo Giubilo (pretino), Vincenzo Petrone (pretino)
Fotografia/Photography: Marcello Gatti
Musica/Music: Luigi Montagna
Costumi/Costume Design: Monica Baseggio
Scene/Scene Design: Monica Baseggio
Montaggio/Editing: Franco Letti
Suono/Sound: Cinzia Rossi
Produzione/Production: R.A.G.N.O. Film
censura: 86889 del 23-07-1991
Altri titoli: Venus of Fear
Trama: In questo film, che si ispira a "Le Notti Bianche" di Feodor Dostoevskij, il sognatore è un sacerdote dell'ordine dei camilliani. Troppo sanguigno, attivo, ribelle e curioso per rinunciare a vivere, si dedica agli altri con singolare abnegazione, scrive poesie e coltiva un immaginario in cui prendono forma i desideri, le pulsioni, i conflitti. E, del suo immaginario diventa parte una giovane donna, Glacida, crudele e affascinante, che lo coinvolgerà in un sottile gioco d'amore e seduzione senza fine. L'immaginazione però non ha limiti e il prete, dopo essersi torturato a lungo, spegne il suo sogno. I suoi turbamenti, i conflitti e le torture che hanno preso corpo solo dopo essere stati sperimentati, diventano rimorsi e Glacida si risolve in un esperimento, un curioso contratto con la liceità di un comportamento e il suo contrario.
Sinopsys: In this film, which is inspired by Feodor Dostoevskij's "The White Nights", the dreamer is a priest. Too active, rebellious, curious and bloody to give up life as a layman, he dedicates himself to others with a singular abnegation, writes poetry and cultivates an imaginary world in which his desires, impulses and conflicts can take form. Into this imaginary world comes a young woman, Glacida, cruel and fascinating, who involves him in a subtle game of endless love and seduction. Imagination has no limits, however, and the priest after a long period of self-torture, snuffs out his dream. The tribulations, conflicts and torments that take shape after having been tested turn into remorse, and Glacida becomes an experiment, a curious contract between the legitimacy of an action and it's opposite.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information