1452 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Maggio musicale (1990)

Torna indietro

Maggio musicale (1990)

Musical May



Regia/Director: Ugo Gregoretti
Soggetto/Subject: Ugo Gregoretti
Sceneggiatura/Screenplay: Ugo Gregoretti
Interpreti/Actors: Malcom McDowell (Pier Francesco Ferraioli, il regista), Elisabetta Pozzi (Daniela), Benedetta Buccellato (Benedetta), Pierandrea Baglioni (Checco), Shirley Verret (Marvin), Chris Merritt (Shikov), Will Humburg (Humburg), Vittoria Panicacci, Duccio Raffaele Pedercini, Carlo Monni, Fabienne Pasquet, Massimo Salvianti, Will Humberg (Humburg), Orsetta Gregoretti (fioraia), Guido Pasella (cantante), Mario Benotto (cantante), Carmelo Caruso (cantante), Carlos Del Bosco (cantante), Maria Prosperi (cantante), Salvatore Ragonese (cantante), Roberto Frontali (cantante), Natale Pick Dei (attore), Tolly Long (attore), Rachele Giovannetti (attore), Giampaolo Coppini (attore), Filippo Evangelisti (attore), Carlo Ventura (attore), Cecilia Buzzolan, Marisa Corena Dapino, Cesare Dapino, Carla Davico Bonino, Guido Davico Bonino, Giulio Gauthier, Enrico Pellegrini, Luciana Pugliese, Luciano Alberti, Paolo Cianfaroni, Mariolina Gauthier
Fotografia/Photography: Pier Luigi Santi
Musica/Music: Fiorenzo Carpi
Costumi/Costume Design: Ivan Stefanutti
Scene/Scene Design: Ivan Stefanutti
Montaggio/Editing: Mauro Bonanni
Suono/Sound: Roberto Edwin Forrest, Marco Streccioni, Sandro Pallottini
Produzione/Production: Cinelife, RAI-Radiotelevisione Italiana (Rete 3)
Vendite all'estero/Sales abroad: Sacis
censura: 85871 del 19-07-1990
Altri titoli: Musical May
Trama: Anno 1946. Il giovane Checco assiste con tutta la sua famiglia a una replica de "La Bohème": prende appunti su un quaderno e poi scompare, catapultato in un'altra dimensione. Quaranta anni dopo siamo di nuovo in teatro: il regista Pierfrancesco Ferraioli (P.F.) sta allestendo la Bohème per il Maggio Musicale fiorentino. Appare nel foyer Checco. Ha tra le mani il quaderno ed un programma d'opera del 1946. Egli con una scusa avvicina P.F., fa amicizia con lui, entra con prepotenza nella sua vita, e non lo lascia più, dividendo con lui tutte le difficoltà dell'allestimento. P.F. è sconcertato e incuriosito da quel ragazzo venuto chissà da dove, e nello stesso tempo prova per lui una inspiegabile tenerezza, che tenta di spiegare alla moglie Benedetta e ai quattro figli. La sera della prima Checco scompare, lasciando il suo quaderno: sulla copertina c'è scritto: "Diario di Pierfrancesco Ferraioli, detto Checco, 1946...".
Sinopsys: The year is 1946. Young Checco is attending a performance of "La Boheme" with his whole family: he makes some notes in a notebook and then disappears, catapulted into another dimension. Forty years later we are at the theater again: the director Pier Francesco Ferraioli (P.F.) is staging "La Boheme" for the Maggio Musicale Fiorentino. Checco appears in the lobby. He is holding in his hands the notebook and an opera program from 1946. He makes up an excuse in order to get close to P. F., makes friends with him, and arrogantly pushes his way into his life, never to leave him again, sharing all of the difficulties of the production with him. P.F. is disconcerted and puzzled by the boy from "who-knows-where", but at the same time he feels an inexplicable tenderness for him, which he tries to explain to his wife Benedetta and their four children. On opening night Checco disappears, leaving behind his notebook. On the cover is written: "Diary of Pierfrancesco Ferraioli known as Checco, 1946".

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information