1457 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Che ora è? (1989)

Torna indietro

Che ora è? (1989)



Regia/Director: Ettore Scola
Soggetto/Subject: Ettore Scola
Sceneggiatura/Screenplay: Ettore Scola, Beatrice Ravaglioli, Silvia Scola
Interpreti/Actors: Marcello Mastroianni (Marcello Ridolfi, il padre), Massimo Troisi (Michele Ridolfi, il figlio), Anne Parillaud (Loredana), Renato Moretti (sig. Pietro), Lou Castel (pescatore muto)
Fotografia/Photography: Luciano Tovoli
Musica/Music: Armando Trovajoli
Costumi/Costume Design: Gabriella Pescucci
Scene/Scene Design: Luciano Riccieri
Montaggio/Editing: Raimondo Crociani
Suono/Sound: Alain Sempé
Produzione/Production: Cecchi Gori Group - Tiger Cinematografica, Studio E.L., Gaumont Production, Paris, Gaumont, Paris
Distribuzione/Distribution: Warner Bros. Pictures Italia
censura: 85011 del 21-09-1989
Altri titoli: Quelle heure est-il?, Wie spät ist es?, Wie spät ist es?, ¿Que hora es?
Trama: Marcello e Michele sono padre e figlio. Si incontrano e trascorrono un giorno insieme. Hanno vissuto insieme sotto lo stesso tetto fino a un anno fa, prima che Michele, una volta finita l'università, partisse per il servizio militare. Si somigliano pochissimo, sono due estranei da sempre: Marcello è un uomo di 60 anni, ridotto un po' male dall'alcool e dalle sigarette; egli, nonostante i suoi acciacchi, ha l'allegria, l'ansia e la vitalità del generoso e irrequieto benestante, innamorato della vita e abituato a condurla come meglio crede. Michele, il figlio, è un giovanotto di 30 anni, tranquillo e riflessivo, senza ansie e problemi particolari rispetto al futuro, anche perché, per sua natura e anche per sua libera scelta, si è sottratto ai ritmi competitivi del suo tempo. Le poche volte che Michele ha tentato di parlare con il padre, da amico, è sempre successo qualcosa che lo ha fatto desistere: un impegno improvviso di Marcello, una telefonata, o anche semplicemente una irruzione della madre e della sorella. Forse il tutto con un sospiro di sollievo da parti di tutti e due. Oggi, invece, devono vivere l'incontro fino in fondo, senza che succeda nulla che li tolga dall'imbarazzo, fingendo di credere di avere un mucchio di cose importanti da dirsi. Marcello ha per Michele molte buone notizie: c'è per lui pronto l'atto di acquisto di un attico a via Po, e una Thema già prenotata. Ma Michele non ama i soldi e tutto ciò che può offrire una vita agiata. I contrasti tra i due proseguono, ma alla fine della giornata si saluteranno con amore: forse per la prima volta sono riusciti ad ascoltarsi; a entrare nel pensiero dell'altro.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information