1639 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

I due sergenti (1952)

Torna indietro

I due sergenti (1952)



Regia/Director: Carlo Alberto Chiesa
Soggetto/Subject: Carlo Alberto Chiesa, Vincenzo Rovi
Sceneggiatura/Screenplay: Mario Landi, Vincenzo Rovi, Carlo Alberto Chiesa, Daniele D'Anza, Giulio Scarnicci, Renzo Tarabusi
Interpreti/Actors: Mario Carotenuto (Umberto), Beniamino Maggio (Guglielmo), Antonella Lualdi (Antonella), Adriana Serra, Pina Renzi, Nuto Navarrini, Ermanno Roveri, Mario Castellani, Guglielmo Barnabò, Flora Torrigiani, Elena Giusti, Nunzio Filogamo, Adriano Rimoldi, Luciano Tajoli, Franco Scandurra, Marisa Merlini, Gino Ravazzini, Cesare Canevari, Quartetto Cetra, Flora Medini, Franca Valeri, Arrigo Peri, Simone Delamaire, Riccardo Renzi
Fotografia/Photography: Massimo Dallamano
Musica/Music: Lelio Luttazzi, Falcocchio
Montaggio/Editing: Loris Bellero
Produzione/Production: Produzione Cinematografica Cancellieri
Distribuzione/Distribution: Indipendenti Regionali
censura: 11187 del 03-01-1952
Trama: Umberto e Guglielmo sono due guitti che recitano nel teatrino di un paese la commedia "I due sergenti". Accusati falsamente di aver rubato un motoscooter, sono ricercati dalla polizia: fuggono indossando ancora i costumi di scena, ovvero le uniformi da sottufficiali dell'epoca napoleonica. Entrati nella cabina di uno stabilimento balneare, scambiano i loro costumi con le divise di due sergenti che stanno facendo il bagno. Appena usciti, si imbattono in un maresciallo in servizio di ronda, il quale, credendoli veri sottufficiali, li conduce in caserma e li aggrega ai reparti che compiono esercitazioni tattiche. Trovato rifugio nel bosco, salgono su un albero e tra i rami scoprono pacchi di banconote false. Incontrano poi Antonella, studentessa di legge, che si è messa alla ricerca dei truffatori insieme ad un suo corteggiatore, un investigatore che si fa passare per un maestro di nuoto. I due attori sono sequestrati dalla banda, il cui capo si è travestito da principe indiano. Vengono infine liberati dal detective, mentre i falsari sono tratti in arresto.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information