1019 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Tre passi a Nord (1950)

Torna indietro

Tre passi a Nord (1950)



Regia/Director: William Lee Wilder
Soggetto/Subject: opera
Sceneggiatura/Screenplay: Lester Fuller
Interpreti/Actors: Lea Padovani (Elena), Lloyd Bridges (Frank Day), Aldo Fabrizi (Pietro, custode del cimitero), William C. Tubbs, Dino Galvani, Adriano Ambrogi, Gianni Rizzo, John Fostini, Peggy Doro, Adam Genette, Dorothy Nathan, Roberto Murolo (cantante), Umberto Aquilino, Giulio Battiferri, Enrico Leurini
Fotografia/Photography: Aldo Giordani
Musica/Music: Roman Vlad
Costumi/Costume Design: Vasco Gori
Scene/Scene Design: Gastone Medin
Montaggio/Editing: Ruth Trotz
Suono/Sound: Kurt Doubrawsky
Produzione/Production: Continentalcine
Distribuzione/Distribution: Union Film
censura: 9079 del 11-12-1950
Altri titoli: Three Steps North
Trama: Napoli, 1945. Frank, un soldato statunitense, alla fine della guerra viene assegnato ai servizi di approvvigionamento nei dintorni della città. Ne approfitta per commerciare alla borsa nera, mettendo insieme la somma di quattro milioni. Dopo qualche tempo i suoi superiori cominciano a sospettare. Frank viene a saperlo e decide di nascondere la cassetta con i soldi: di notte, sulla strada al terzo chilometro da Amalfi, tre passi a nord, sotterra l'involucro. Rientrato all'accampamento, viene arrestato, processato e condannato a quattro anni, che sconta negli Stati Uniti. Riacquistata la libertà, rientra clandestinamente in Italia e va ad Amalfi: ma nel punto dove ha sotterrato il denaro sorge ora un cimitero di guerra. Frank torna a tarda sera per scavare, ma si accorge di essere seguito da un'automobile. Mentre è di nuovo sulla strada per Amalfi, è spettatore di un assassinio: scopre così che la vittima era un suo amico, il quale era a conoscenza del segreto del tesoro. Accusato di assassinio, Frank è salvato da Elena, conosciuta durante la guerra: la ragazza lo scagiona dichiarando di aver passato la notte insieme a lui. Dopo qualche tempo, Frank riesce a dissotterrare la cassetta, che però è vuota: il custode del cimitero spiega a Frank di averla trovata e di avere utilizzato i soldi per far costruire una cappella in memoria dei caduti. Frank trova giusta la sua decisione. Rimarrà ad Amalfi, per rifarsi un'esistenza con Elena.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information