1491 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Senza bandiera (1951)

Torna indietro

Senza bandiera (1951)



Regia/Director: Lionello De Felice
Sceneggiatura/Screenplay: Franco Brusati, Giorgio Prosperi, Lionello De Felice, Jacopo Comin
Interpreti/Actors: Vivi Gioi (Helda Gruber), Massimo Serato (ten. Morassi), Umberto Spadaro (Natale Papini, scassinatore), Paolo Stoppa ("professore"), Walter Rilla (dottor von Luxendorf), Heinz Moog (barone svizzero), Carlo Ninchi (comandante), Guido Celano (sottocapo Poggi), Carlo Tusco (telegrafista Morelli), Luigi Cimara, Camillo Pilotto, Marika Rowsky, Amedeo Trilli (maresciallo), John Pasetti (Gerhard Merrick), Fanny Marchiò, Nietta Zocchi, Anna Valpreda, Laura Solari (signora Merrick), Michael Tor, Sidney Gordon, Claudio Ermelli (Augusto), Norma Nova, Cesare Rossi, Emilio Petacci, Alberto Plebani, Floria D'Alba, Armando Annuale, Alessio Ruggeri, Guido Notari (ammiraglio), Carlo Duse, Henri Vidon [Harry Weedon] (ministro austriaco), Hovart Lacy (direttore dell'orchestra tzigana)
Fotografia/Photography: Mario Craveri
Musica/Music: Renzo Rossellini
Costumi/Costume Design: Marina Arcangeli
Scene/Scene Design: Alfredo Montori
Montaggio/Editing: Mario Serandrei
Suono/Sound: Bruno Brunacci
Produzione/Production: Elfo Film
Distribuzione/Distribution: Ente Nazionale Industrie Cinemat. ENIC
censura: 10616 del 02-10-1951
Trama: Durante la Prima Guerra Mondiale, in Italia, l'attività di una rete di spie ha causato gravi perdite alla Marina Italiana con azioni di sabotaggio. Il controspionaggio viene a sapere che gli agenti nemici ricevono gli ordini dalla Svizzera: l'incarico di condurre le indagini è affidato ad un comandante di marina coadiuvato da tre uomini scelti. Dopo pazienti ricerche, il comandante ha la certezza che il capo dello spionaggio nemico è il console austriaco a Zurigo, aiutato da due complici che vestono i panni rispettivamente di un barone svizzero e di un'infermiera. Il tenente Morassi, che fa parte della squadra del comandante, fa la corte all'infermiera e riesce ad installarsi come cameriere in casa del barone: scopre così che i documenti segreti sono custoditi in una cassaforte, nella camera da letto del console. Approfittando dell'assenza del diplomatico, gli agenti italiani penetrano di notte nella sua stanza e, dopo un lungo lavoro, aprono la cassaforte grazie ad un celebre scassinatore che è stato aggregato al gruppo. Con i documenti in mano italiana, la rete dello spionaggio nemico può finalmente essere debellata. Il console austriaco, vistosi perduto, si uccide.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information