1092 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Sangue sul sagrato (1951)

Torna indietro

Sangue sul sagrato (1951)



Regia/Director: Goffredo Alessandrini
Soggetto/Subject: Franco Angelini
Sceneggiatura/Screenplay: Nino Stresa, Goffredo Alessandrini, Siro Angeli
Interpreti/Actors: Luisa Rossi (Rita), Carlo Ninchi (don Vincenzo), Carlo Giustini (Bruno), Giovanna Cigoli (madre di Bruno), Piero Lulli (Alberto), Virgilio Riento (Dovelli, l'ubriacone), Pina Gallini (Augusta Donati), Emy Neif (sig.ra Maria), Franco Balducci (autista del camion), Bruno Smith (maresciallo), Cesare Bettarini (procuratore della repubblica), Franco Pesce (cancelliere)
Fotografia/Photography: Domenico Scala
Musica/Music: Amedeo Escobar
Scene/Scene Design: Lamberto Giovagnoli
Suono/Sound: Mario Del Pezzo
Produzione/Production: Umbria Film
Distribuzione/Distribution: P.D.C.
censura: 9275 del 13-01-1951
Trama: Alla fine della seconda guerra mondiale, la giovane Rita, la quale ha perduto i genitori e ogni avere, si reca nel paese di Bettona, in Umbria, per domandare asilo al parroco don Vincenzo. Per la strada ottiene un passaggio su un autocarro guidato da due borsari neri. Il camion, pieno di merci, viene assalito da alcuni malviventi , i quali se ne impadroniscono dopo aver ucciso uno dei due giovani. L'altro, Bruno, si rifugia con Rita in un casolare, ma durante la notte se ne va per riprendere i suoi traffici. Rita giunge alfine a Bettona e viene accolta paternamente da don Vincenzo, trovando poi lavoro nel negozio della madre di Bruno. Dopo qualche tempo Bruno, deluso e senza soldi, torna al paese: i due giovani si ritrovano e la loro simpatia si trasforma in amore. Quando Rita gli annuncia di essere incinta, Bruno, che non riesce a trovare lavoro, commette una rapina, che gli frutta una forte somma. La madre, intuita la verità, scongiura il figlio di restituire il denaro rubato. Bruno rifiuta e allora la madre avverte don Vincenzo, il quale nel frattempo viene a sapere da Rita la storia del loro amore. Bruno teme di essere denunciato dal parroco e allora lo ferisce a morte: don Vincenzo, prima di morire, tenta di salvare il giovane, il quale però, ribellatosi ai carabinieri, viene da loro ucciso.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information