1000 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Lorenzaccio (1951)

Torna indietro

Lorenzaccio (1951)



Regia/Director: Raffaello Pacini
Soggetto/Subject: Vittorio Nino Novarese [Nino Novarese], Raffaello Pacini, Giampiero Pucci
Sceneggiatura/Screenplay: Vittorio Nino Novarese [Nino Novarese], Raffaello Pacini, Giampiero Pucci
Interpreti/Actors: Giorgio Albertazzi (Lorenzo de' Medici), Anna Maria Ferrero (Luisa Strozzi), Arnoldo Foà (duca Alessandro), Franca Marzi (Clarice), Folco Lulli (Scoronconcalo), Giorgio Capecchi (ser Maurizio), Lia Di Leo (cortigiana), Marcello Giorda, Carlo D'Angelo, Silvio Bagolini, Natale Cirino, Franco Balducci, Alessandro Fersen, Mercedes Brignone, Fedele Gentile, Vera Palumbo, Ivo Karavany, Piero Pastore, Mimo Billi, Cesare Lumacchi
Fotografia/Photography: Renato Del Frate
Musica/Music: Carlo Rustichelli
Costumi/Costume Design: Maria De Matteis
Scene/Scene Design: Gastone Simonetti
Montaggio/Editing: Rolando Benedetti
Suono/Sound: Giovanni Canavero, Aldo Calpini
Produzione/Production: R.G. Film
Distribuzione/Distribution: Lux Film
censura: 10802 del 30-10-1951
Trama: Firenze, metà del '500. Lorenzo de' Medici, detto Lorenzaccio, con la sua condotta provoca la collera dello zio, papa Clemente VII: bandito dallo Stato Pontificio, lascia Roma e fugge a Firenze, dove dal 1532 regna con crudeltà il Duca Alessandro, suo cugino: Lorenzaccio intende liberare la città da questa tirannia e si mette in contatto con il Duca, che lo accoglie benevolmente. Lorenzo fa sì che il cugino gli sia sempre più legato: a tale scopo non esita a diventargli compagno nelle dissolutezze e complice negli amori. A mano a mano riesce ad isolarlo e nel frattempo incoraggia di nascosto le forze ribelli: prende contatto con la famiglia Strozzi, a capo dei fuorusciti, e li convince a ritornare a Firenze per eliminare il tiranno. E' il 1537: l'annuncio del suo matrimonio con Luisa Strozzi suggella il patto con i congiurati. Ma quando il palazzo viene occupato dagli uomini del Duca, Lorenzo avverte quest'ultimo dell'esistenza di un complotto a suo danno. I congiurati lo considerano un traditore, ma Alessandro da questo momento ha cieca fiducia in lui. Lorenzo promette al Duca di consegnargli la sua promessa sposa Luisa: a questo scopo, lo convoca a casa sua di notte e, con l'aiuto di un sicario, lo uccide a pugnalate. Intanto Luisa, convinta che Lorenzo l'abbia venduta al Duca, si uccide. Lorenzo proclama invano ai cittadini la liberazione dal tiranno, poi fugge con il cadavere dell'amata.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information