1102 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Io sono il Capataz (1951)

Torna indietro

Io sono il Capataz (1951)



Regia/Director: Giorgio C. Simonelli
Soggetto/Subject: Cesare Rivelli
Sceneggiatura/Screenplay: Vittorio Metz, Marcello Marchesi, Agenore Incrocci [Age], Furio Scarpelli
Interpreti/Actors: Renato Rascel (Uguccion/Rascelito Villa), Silvana Pampanini (Rosa de Fuego), Virgilio Riento (guardiano), Marilyn Buferd (Moira), Luigi Pavese (Erasmo), Vittorio Duse (Puchero), Nino Crisman (Gonzales), Alberto Sorrentino, Bruno Corelli (sarto francese), Mario Volpicelli, Mario Pisu (Hurtado), Kiki Urbani (danzatrice bianca), Vickie Henderson (danzatrice creola), Sophia Loren [Sophia Lazzaro] (segretaria del dittatore), Oscar Andriani, Attilio Torelli, Giulio Donnini, Riccardo Foti, Franco Jamonte, Dale Arden, Rina Dei, Giovanni Onorato, Franco Pesce, Giulio Battiferri, Guglielmo Leoncini, Arnaldo Mochetti, Corrado Nardi, Amalia Pellegrini, Guido Morisi, Angelo Dessy, Armando Furlai, Carlo Delle Piane, Bruno Smith, Giovanni Petti, Adriano Ambrogi, Claude Marchant, Maria Piazzai
Fotografia/Photography: Tonino Delli Colli
Musica/Music: Felice Montagnini
Costumi/Costume Design: Maria De Matteis
Scene/Scene Design: Arrigo Equini
Montaggio/Editing: Elsa Dubbini
Produzione/Production: Jolly Film
Distribuzione/Distribution: Jolly Film
censura: 9416 del 16-02-1951
Altri titoli: Le retour de Pancho Villa, Ritorna il Capataz
Trama: Uguccione non riesce a trovare un lavoro a causa della sua bassa statura. Un giorno, in seguito ad un equivoco, è scambiato per il famigerato C6, pericoloso agente rivoluzionario, e subito trasportato in aereo, insieme all'amico Erasmo, nello stato sudamericano del Parazuela. Qui Uguccione prende il nome di Rascelito Villa, assume il comando delle truppe rivoluzionarie, occupa la capitale e si proclama dittatore. In realtà Rascelito è solo un fantoccio nelle mani dei ministri che governano con metodi terroristici. Crede di essere adorato dal popolo, ma ben presto si accorge della vera situazione: la gente lo odia, mentre i ribelli, capeggiati dalla bella Rosa de Fuego, tramano per ucciderlo. Per salvarlo, Erasmo fa credere che sotto il nome di Rascelito si nasconde in realtà il fratello gemello Pancho, venuto a uccidere il vero tiranno. Uguccione deve a questo punto impersonare entrambi: imprigionato sotto il nome di Pancho, tramite un passaggio segreto va dalla cella alle stanze del palazzo dove riprende il nome di Rascelito, e viceversa. Come Pancho, si mette a capo degli insorti, entra nel palazzo governativo, arresta i ministri e finge di uccidere Rascelito, colpendo in realtà un manichino. Acclamato come liberatore, Pancho rinuncia al potere per vivere accanto all'amata Rosa de Fuego.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information