scheda
 1107 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Il diavolo in convento (1951)

Torna indietro

Il diavolo in convento (1951)



Regia/Director: Nunzio Malasomma
Sceneggiatura/Screenplay: Paolo Campanella
Interpreti/Actors: Gilberto Govi (frate Angelo), Carlo Ninchi (Milone), Mariella Lotti (Adriana), Georges Galley (Agostino), Barbara Florian (Maria), Leopoldo Valentini (fra' Raffaele), Ave Ninchi (Caterina), Mario Pisu (padre Claudio), Nerio Bernardi (comm. Brina), Aristide Baghetti (medico condotto), Federico Collino (sindaco), Domenico Viglione Borghese (priore), Giorgio Corradini (Pierino), Lia Angeleri (Brigida), Daniele Chiapparino, Enrico Ardizzone, Edouard Delmont, Mario Cianfanelli, Jole Gardini, Aldo Trabucco, Giulio Battiferri, Catherine Capry, Luigi Dameri, Oscar Gardini, Fulvia Lumachi, Ponziano Loreti, Francesco Monti, Armando Morandi, Alfredo Tongi, Gabriele Varriale, Paolo Campanella
Fotografia/Photography: Leonida Barboni
Musica/Music: Angelo Francesco Lavagnino
Scene/Scene Design: Mario Filoni
Montaggio/Editing: Marcella Gengarelli
Suono/Sound: Guglielmo Stapler
Produzione/Production: Taurus Film
Distribuzione/Distribution: Artisti Associati
censura: 9219 del 22-01-1951
Trama: Durante la guerra, un bombardamento devasta un villaggio di pescatori. I senzatetto cercano rifugio nel vicino convento, abitato da sole due persone: il vecchio Padre Guardiano, confinato dalla malattia nella sua cameretta, e un frate laico, fratel Angelo. Commosso dalla misera condizione dei poveretti, Angelo li accoglie in convento sistemandoli in alcune stanze al piano terra. Lì i pescatori rimangono ricoverati per anni. Quando muore il vecchio Padre Guardiano, Angelo deve affrontare un grave problema: le autorità competenti dell'Ordine hanno venduto il convento all'industriale Milone che intende trasformare l'edificio in un grande albergo. Malgrado l'opposizione degli interessati, l'uomo d'affari annuncia che prenderà possesso del convento subito dopo la festa del santo protettore. Durante la celebrazione, Fratel Angelo, nel tentativo di scuotere l'animo dell'industriale, organizza un falso miracolo: ma quando la messa in scena viene smascherata, un autentico miracolo si compie. Milone ne rimane molto impressionato: decide allora di rinunciare al progetto e lascia che il convento prosegua nella sua caritatevole missione.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information