1309 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Carcerato (1951)

Torna indietro

Carcerato (1951)



Regia/Director: Armando Grottini [Armando Zorri]
Soggetto/Subject: Gigi Pisano, Aldo Bovio
Sceneggiatura/Screenplay: Gaspare Cataldo, Aldo Bovio, Armando Grottini
Interpreti/Actors: Otello Toso (Marco), Barbara Florian (Luisa), Renato Baldini (Renato), Franca Marzi (matrigna di Luisa), Nuccia Aronne (figlioletta di Luisa), Natale Cirino, Clelia Genovesi, Gigi Pisano, Cristina Loris, Franco Pesce, Amalia Pellegrini, Amedeo Trilli, Gino Anglani, Sandra Moroni, Salvatore Cafiero
Fotografia/Photography: Giuseppe La Torre
Musica/Music: Giuseppe Cioffi
Scene/Scene Design: Virgilio Marchi
Montaggio/Editing: Otello Colangeli
Suono/Sound: Carlo Zama
Produzione/Production: Romana Film
Distribuzione/Distribution: Romana Film
censura: 9686 del 21-03-1951
Trama: Napoli. La giovane Luisa vive nei dintorni della città con il padre e la matrigna. E' fidanzata con Renato, il quale è da poco partito per l'Argentina in cerca di fortuna, consigliato da Marco, il suo ex datore di lavoro. Quest'ultimo è l'amante della matrigna di Luisa ed è anche il destinatario delle lettere che Renato invia a Luisa dall'Argentina ma che egli sopprime sistematicamente. Luisa, che aspetta un bambino, crede così di essere stata dimenticata. Marco ne approfitta per farla cacciare di casa. Quando la matrigna rivela al padre di Luisa la verità sulla figliola, l'uomo muore di dolore. Marco e la vedova lasciano il paese: Luisa è messa al bando e si rifugia in casa di un'amica dove dà alla luce una bambina. Passano due anni. Un giorno Luisa incontra Marco, il quale la costringe a mettere in collegio la bimba e a lavorare per lui a Napoli. Intanto Renato torna in Italia e ritrova Luisa: tra i due ha luogo un difficile chiarimento ma Luisa, accusata dal giovane, se ne va. Renato va allora da Marco a chiedere spiegazioni: tra loro nasce una rissa durante la quale Marco è ucciso da un colpo partito dalla propria rivoltella. Renato, accusato di omicidio, è arrestato. La matrigna di Luisa, unica testimone dello scontro tra i due uomini, all'inizio accusa falsamente Renato, poi è costretta a dire la verità. Renato e Luisa, insieme alla bambina, possono finalmente ricongiungersi.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information