scheda
 1315 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

Il monello della strada (1950)

Torna indietro

Il monello della strada (1950)



Regia/Director: Carlo Borghesio
Soggetto/Subject: Leo Benvenuti
Sceneggiatura/Screenplay: Leo Benvenuti, Marcello Marchesi, Vittorio Metz, Glauco Pellegrini
Interpreti/Actors: Erminio Macario (Carletto Po), Luisa Rossi (Anna Caleazzi), Giulio Stival (baritono Titta Rossi), Ciccio Jacono (Paolino), Carlo Rizzo (Bastiano), Saro Urzì (commissario), Vittorina Benvenuti (Adele), Amina Pirani Maggi (Agnese), Pietro Tordi (Zeno), Natale Cirino [Salvatore Cirino] (minatore), Fausta Rodelli (contessa Bucci Dassoli), Mimo Billi [Giacomo Billi] (avvocato), Franco Balducci (Arizona Bill), Guido Morisi [Carlo Morisi] (conte Bucci Dassoli), Carlo Lampugnani (Gino), Piero Pastore (altro minatore), Ester Bistolfi
Fotografia/Photography: Arturo Gallea
Musica/Music: Nino Rota
Montaggio/Editing: Rolando Benedetti
Suono/Sound: Giovanni Canavero
Produzione/Production: Lux Film, Rovere Film
Distribuzione/Distribution: Lux Film
censura: 9088 del 12-12-1950
Trama: Carletto Po, un povero manovale italiano che lavora in Argentina, ha sposato per procura Anna Galeazzi. Dopo alcuni anni torna in Italia per conoscere la sposa ma scopre che è morta lasciando un figlio, il piccolo Paolino, il quale, in base alla legge, è anche suo figlio. Carletto lo porta al Luna Park e cerca di liberarsene facendo perdere le proprie tracce, ma una giovane donna, che assomiglia stranamente ad Anna, lo invita a tenere con sé il monello. Carletto segue il consiglio e fa amicizia con Paolino, ma la loro tranquillità è turbata dal sopraggiungere di due aristocratici parenti i quali persuadono Carletto a consegnare a loro il bambino. Appare di nuovo la donna misteriosa, rivelando a Carletto che la coppia in realtà vuole solo impadronirsi dell'eredità lasciata dal padre di Paolino. Di notte il bambino fugge dalla villa dei parenti portando con sé un grosso brillante. Quando lo vede, il padre rimane sorpreso: deve restituirlo, ma per il momento non può lasciare il suo lavoro di fornaio. Casualmente la pietra preziosa cade nella pasta dalla quale Carletto ricava una grande quantità di panini. Il brillante è sicuramente lì dentro e Carletto deve aprirne molti, ma senza fortuna. La mattina dopo, ha solo un quarto d'ora per l'ultima ricerca: miracolosamente, la vita della città si ferma, dando modo al fornaio di recuperare il gioiello. (CCC)

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information