1636 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

L'uomo dal guanto grigio (1948)

Torna indietro

L'uomo dal guanto grigio (1948)



Regia/Director: Camillo Mastrocinque
Soggetto/Subject: Vittorio Nino Novarese
Sceneggiatura/Screenplay: Vittorio Nino Novarese, Fulvio Palmieri, Camillo Mastrocinque
Interpreti/Actors: Annette Bach (Anna Gaddi), Roldano Lupi (Claudio Drago, critico d'arte), Antonio Centa (Max), Mario Del Monaco (Silvio Martini, tenore), Gualtiero Tumiati (pittore Masero), Sandro Ruffini (ispettore Pasquini), Lauro Gazzolo (critico d'arte anziano), Armando Migliari (commissario di P.S.), Stefano Sibaldi (intendente Belle Arti), Gaetano Verna (altro intendente), Filippo Scelzo (Tambroni), Agostino Salvietti (custode del museo), Pina Piovani (Amalia, portiera), Zora Piazza (ballerina), Leo Garavaglia (medico legale), Renato Malavasi (ministro), Eros Belloni (direttore radio), Mario Volpicelli
Fotografia/Photography: Gabor Pogany
Musica/Music: Ezio Carabella
Scene/Scene Design: Ottavio Scotti
Montaggio/Editing: Eraldo Judiconi [Eraldo Da Roma]
Produzione/Production: Manenti Film (1933)
Distribuzione/Distribution: Manenti Film
censura: 4764 del 30-10-1948
Altri titoli: The Man of the Grey Glove
Trama: "L'uomo dal guanto grigio", noto dipinto di Antonello da Messina, viene affidato a un anziano restauratore, quindi ritirato ed esposto. Il critico d'arte Claudio Drago si accorge allora che si tratta di una copia. Si fa avanti Anna Gaddi, una giovane pittrice, dichiarando di aver fatto il quadro per conto del restauratore. Quando la polizia si reca dall'uomo per interrogarlo, lo trova morto e pensa che si tratti di un suicidio. In cerca del dipinto originale, Anna va nello studio del defunto dove adesso vive un nuovo inquilino, il giovane tenore Silvio Martini. Tra i due nasce l'amore, scatenando la gelosia di Max, l'amico della ragazza. Una notte, Max va nello studio per cercare il quadro, ma, la mattina seguente, viene trovato morto: a colpirlo è stato un pugnale che Drago ha regalato ad Anna. La polizia sospetta della giovane e del tenore. Intanto, Anna ha scoperto che nello studio manca uno specchio e, convinta che il dipinto sia stato nascosto dietro ad esso, lo dice al critico d'arte. A questo punto, Drago le confessa la verità: è lui l'autore del furto e degli omicidi. Mentre lo squilibrato sta per strangolare Anna, arriva la polizia e la salva, colpendo a morte l'uomo.

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information