2128 visitatori online
Banner
Banner
| Stampa |

L'ebreo errante (1948)

Torna indietro

L'ebreo errante (1948)



Regia/Director: Goffredo Alessandrini
Soggetto/Subject: Giovan Battista Angioletti, opera
Sceneggiatura/Screenplay: Goffredo Alessandrini, Flaminio Bollini, Ennio De Concini, Guido De Luca, Enrico Fulghignoni, Anton Giulio Majano
Interpreti/Actors: Vittorio Gassman (Mathieu Blumenthal), Valentina Cortese (Ester), Noëlle Norman (Elena), Inga Gort (Sara), Harry Feist (Hans), Pietro Sharoff [Pietro Scharoff] (prof. Lucas Epstein), Cesare Polacco (Kossy), Hans Hinrich [Giovanni Hinrich] (Albert Schuster), Dedi Ristori, Ivo Karavany, Cino Bassi, Maria Hinrich [Maria Krahn Hinrich] (sorella di Epstein), Giulio Battiferri (omosessuale nel lager), Egisto Olivieri (contadino polacco), Angelo Calabrese, Aristodemo Pettinelli (Dechamps), Ermanno Randi (fidanzato di Luisa), Armando Francioli (Davide), Fosca Freda (donna incinta sul treno), Alfredo Anchinelli, Aldo Bassi, Saro Bevacqua, Guido Barbarisi, Victor Domenico Ledda, Bruno von Barens (comandante del campo), Antonio Crast (ufficiale tedesco), Renato Malavasi (ebreo internato nel campo), Carlo Jachino, Luigi Locchi, Rosa Moneta, Mario Mazzetti, Alfredo Paolini, Nicoletta Prinzi (Luisa), Riccardo Foti, Lando Sguazzini, Attilio Torelli, Ernesto Quadrelli, Enrico Urbini, Vincenzo Tocci, Domenico Serra, Alfredo Salvadori, Aedo Galvani, Marco Raviart, Pina Piovani, Andrea Aureli
Fotografia/Photography: Vaclav Vich
Musica/Music: Enzo Masetti
Montaggio/Editing: Otello Colangeli
Suono/Sound: Mario Amari
Produzione/Production: D.I. - Cinematografica Distributori Indipendenti
Distribuzione/Distribution: C.D.I. - La Cinematografica Distributori Indipendenti
censura: 3676 del 22-01-1948
Altri titoli: Le juif errant, The Wandering Jew, El judio errante
Trama: Matteo è un ricco ebreo nazionalista che vive ai tempi di Gesù e che ritiene quest'ultimo un ostacolo alla rivolta degli ebrei contro gli oppressori romani. Matteo incita quindi il popolo contro il nazareno e impedisce alla moglie di dargli dell'acqua mentre quello si avvia al Golgota. All'ebreo viene perciò negato ogni riposo, anche quello della morte: è condannato a errare sulla terra in eterno per espiare le proprie colpe. Parigi, 1940. Il giovane banchiere ebreo Mathieu Blumenthal è ricco e potente e potrebbe sottrarsi alla persecuzione nazista facilmente. Ma l'uomo sceglie di condividere il destino degli altri ebrei. Un giorno, mentre si nasconde in una sinagoga con dei compagni, viene scoperto, arrestato e deportato in un campo di concentramento tedesco. Dopo aver subito brutali maltrattamenti, Mathieu, facendo saltare un ponte, riesce a fuggire con alcuni compagni e con Ester, la ragazza di cui si è innamorato. I tedeschi reagiscono alla rivolta minacciando di uccidere cinquecento prigionieri e il banchiere, deciso a salvare quegli innocenti, torna spontaneamente al campo. Con il suo martirio, l'uomo sconta la condanna inflitta da Cristo all' "ebreo errante".

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information

 
   

Questo sito utilizza cookie tecnici propri e di terze parti al fine di migliorare la navigazione Per maggiori informazioni visita la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito, non mostrare la informativa.

EU Cookie Directive Module Information